Massimo D'Alema
|

D’Alema si crede Totti e lo difende dalla “rottamazione”

Massimo D’Alema non è Francesco Totti. Nessuno ha dubbi al riguardo, tranne lo stesso Massimo D’Alema, che – pur non dicendolo espressamente – si immedesima nel capitano Giallorosso, che sarebbe vittima della rottamazione voluta dalla società capitolina.

D’Alema, romanista piuttosto acceso, da uno dei suoi rituali viaggi in sudamerica, fa sapere che Francesco Totti merita un altro anno di contratto con la “sua” Roma: «Sono un ammiratore di Totti e un amico di Spalletti, spero che vadano d’accordo nell’interesse della Roma. Credo che Totti meriti un altro anno di contratto perchè ha fatto vedere che anche in dieci minuti può cambiare le sorti di una partita, la classe è intatta e non si rottama con l’età».

Insomma i fuoriclasse non si “rottamano” fa sapere D’Alema, forse pensando al suo attuale rapporto con il Partito Democratico. Ma, a parte gli scherzi, qual è la situazione del rinnovo contrattuale di Francesco Totti con la Roma. L’ultima parola spetta al Presidente Pallotta, ma ancora nulla è deciso. Certamente, fino a qualche settimana fa le speranze di Totti di giocare una nuova stagione con la Roma erano pressoché nulle, ora, dopo quanto Totti ha fatto per la Roma nelle ultime partite, qualche speranza in più c’è sicuramente. C’è un unica certezza: per l’ultima partita in casa della Roma, all’Olimpico contro il Chievo, il futuro di Totti dovrà essere chiaro: qualora fosse l’ultima partita di Totti all’Olimpico, è giusto che tutti quanti, dal capitano ai tifosi della Roma, lo sappiano.