|

Chi l’ha visto: il video choc dello schiaffo di un carabiniere a una donna fa discutere in rete

Nella puntata di Chi l’ha visto andato in onda ieri sera si è parlato anche del caso di Marisa Brunelli, una donna di Cerro Veronese aggredita e picchiata da un carabiniere dopo che si era opposta alla rimozione forzata della sua automobile. Federica Sciarelli ha mostrato in studio e ai telespettatori il video di quanto accaduto, video che è stato poi condiviso anche su Facebook tramite la pagina ufficiale di Chi l’ha visto.

CHI L’HA VISTO MARISA BRUNELLI

Federica Sciarelli ha poi raccontato la storia dietro a quel video, con la signora Marisa Brunelli presente in studio e accompagnata da un avvocato. I carabinieri erano stati chiamati per far rimuovere l’auto della signora Brunelli, parcheggiata davanti a casa sua, su un terreno di proprietà privata che fa parte di un vicolo a sua volta privato. I Brunelli parcheggerebbero la propria auto in quel punto da sempre, fino a quando il sindaco di Cerro Veronese non decide che quell’auto non può stare in quel punto e manda i carabinieri per la rimozione. Marisa Brunelli si oppone e sale sulla ruota dell’auto. Il carabiniere a quel punto la strattona e la colpisce in pieno viso. A quel punto intervengono i famigliari della donna che vengono colpiti a loro volta, come si vede nel video.

I COMMENTI AL VIDEO DI CHI L’HA VISTO

Il video ha suscitato parecchie polemiche su Facebook, con i commentatori che si dividono tra coloro che condannano la brutale reazione dei carabinieri contro la donna e i suoi famigliari e chi invece prendono posizione a favore dei carabinieri:

LA FAMIGLIA ARRESTATA

Marisa viene ammanettata alla ringhiera di casa sua, insieme al fratello, e in seguito tutta la famiglia viene arrestata, con Marisa che resta in carcere due giorni e quindici ai domiciliari. Ne segue una vicenda giudiziaria, in cui il video non viene utilizzato come prova per decidere del risarcimento a favore dei carabinieri, che hanno denunciato la famiglia di Marisa Brunelli per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. Il video, in sostanza, non è stato visto dai giudici, che hanno deciso sulla base delle testimonianze. La famiglia di Marisa Brunelli è stata condannata in primo grado e in appello e ora attende la sentenza della Cassazione.

(Photocredit copertina: Rai3/Chi l’ha Visto)