comunarie roma
|

Il Tribunale di Roma dichiara illegittime le tre espulsioni per le comunarie nel Movimento 5 stelle

Il Tribunale civile di Roma ha accolto il ricorso presentato dai tre attivisti espulsi dal Movimento 5 stelle a Roma. Paolo Palleschi, Roberto Motta e Antonio Caracciolo furono esclusi dalle comunarie di Roma e quella cacciata è stata dichiarata ora illegittima dal giudice e quindi sospesa.

LEGGI ANCHE:

Davide Casaleggio e quella “Ola” che gli servirà per guidare il Movimento 5 stelle

COMUNARIE M5S: L’IMPORTANZA DELLA DECISIONE DEL TRIBUNALE DI ROMA

Nel ricorso contro il Movimento 5 stelle, rappresentato da Beppe Grillo, i tre chiedevano di invalidare le votazioni on line che hanno portato alla vittoria della candidata M5S per le elezioni di Roma, Virginia Raggi, chiedendo inoltre di essere riammessi nel Movimento.  Il giudice ha bocciato le espulsioni non pronunciandosi sulla validità delle comunarie.  Questo perché, precisa uno dei tre attivisti, Paolo Palleschi «ha ritenuto che questo tipo di richiesta non possa essere avanzata in fase cautelare». La sentenza di Roma è importante sotto alcuni aspetti. Gli espulsi, difesi dall’avvocato Lorenzo Borrè, hanno obiettato sull’associazione giuridica che li ha espulsi ribadendo come non fosse la stessa a cui erano iscritti. I tre attivisti appartengono al “MoVimento cinque stelle” eppure sono stati esclusi dalla Movimento 5 stelle, nata il 14 dicembre 2012.  Secondo Palleschi «l’aspetto giuridicamente più interessante è che sono state distinte le due associazioni, ovvero quella creata nell’ottobre del 2009 e quella nata successivamente, ovvero nel 2012 da Grillo, il nipote, un commercialista e Casaleggio». Una questione che potrebbe «mettere in crisi l’intera struttura del Movimento».

COMUNARIE M5S: ESCLUSI CHIEDONO A RAGGI NUOVE PRIMARIE

«Chiediamo alla Raggi – spiega Palleschi – che ci aveva ingiustamente accusato di essere “gente che aveva aderito ad altri partiti” e che aveva avallato con tale “giustificazione”, ora sconfessata dal Tribunale, di fare un passo indietro e di aderire alla nostra richiesta di indire nuovamente le primarie. Sono in gioco il principio di partecipazione e di credibilità democratica». Nella nota diffusa sui social l’ex grillino ha ricordato «l’indimenticabile» fondatore del Movimento Gianroberto Casaleggio, morto stamane.

(nella foto ANSA/GIORGIO ONORATI)