Antonio Bassolino
|

Elezioni Napoli 2016, Bassolino: «Continuerò a dare il mio contributo al Pd»

Elezioni Napoli 2016, Antonio Bassolino il giorno dopo il faccia a faccia con Matteo Renzi in Prefettura a Napoli (l’incontro è avvenuto subito dopo la conferenza stampa del premier su Bagnoli) torna parlare del suo ruolo nella partita delle Comunali. Con un messaggio postato su Facebook l’ex sindaco ed ex governatore ha chiarito di essere intenzionato a non candidarsi e a dare il suo «contributo» al partito che ha contribuito a fondare, il Pd. Affermando tuttavia che «spetta oggi al candidato Pd a Sindaco» il compito di riconquistare l’elettorato «lacerato».

ELEZIONI NAPOLI 2016, BASSOLINO: «ORA IL CANDIDATO RECUPERI L’ELETTORATO»

«Napoli e il suo futuro – ha scritto Bassolino – restano, per me, una priorità fondamentale. È il messaggio su cui ho insistito molto nel colloquio con Matteo Renzi. Ribadendo con franchezza le mie forti critiche a come è stata gestita dal PD la vicenda dei seggi contestati. Una gestione che ha lacerato profondamente quell’elettorato di opinione che doveva essere il principale protagonista della riscossa politico-elettorale. Spetta oggi al candidato PD a Sindaco il compito di riconquistarlo». Non potevano mancare ovviamente riferimenti a Valeria Valente, la candidata sindaco del centrosinistra, vincitrice delle primarie contro Bassolino, con la quale il fronte dei bassoliniani si è duramente scontrato in queste settimane. Ora i Dem potrebbero (almeno parzialmente) ricompattarsi.

ELEZIONI NAPOLI 2016, BASSOLINO: «CONTINUERÒ A DARE IL MIO CONTRIBUTO AL PD»

«Io continuerò – ha scritto Bassolino – a dare il mio contributo al partito di cui sono stato uno dei fondatori. Nelle forme che risulteranno compatibili con gli ideali per me irrinunciabili di coerenza, trasparenza e rigore morale. E di visione nazionale per Napoli e per il Mezzogiorno». Quella dell’ex sindaco è una scelta destinata a provocare forti reazioni. A guardare i primi commenti sul web (sia sulla bacheca di Bassolino che sui gruppi dei suoi sostenitori) non tutti gli elettori e gli attivisti Dem sembrano gradire la scelta. Per mesi i bassoliniani hanno accusato sia la Valente che il Pd napoletano e il Nazareno, di non aver dato il giusto riconoscimento politico all’impegno profuso negli ultimi mesi dall’ex sindaco. Le polemiche sui presunti brogli alle primarie del 6 marzo e i tre ricorsi di Bassolino (l’ultimo bocciato il 23 marzo) hanno poi contribuito a riallargare le distanze. Nei prossimi giorni si capirà fino a che punto le fratture potranno essere ricomposte.

ELEZIONI NAPOLI 2016, BASSOLINO SMENTISCE LE IPOTESI DI CORSA SOLITARIA

Le parole di Bassolino sulla sfida delle Comunali erano attese da molti giorni. Dopo la bocciatura del terzo ricorso da parte degli organi di garanzia (napoletani e nazionali) del Pd, l’ex sindaco si era recato in vacanza ad Hong Kong, rinviando ogni decisione sulla «battaglia», «etica, civile, politica», da condurre per la città di Napoli. Erano circolate voci su una possibile candidatura a sindaco alternativa alla Valente e al sindaco in carica Luigi de Magistris (appoggiato da una coalizione di partiti e movimenti di sinistra) e sulla presentazione di una lista civica interna al centrosinistra ed alternativa dal Partito Democratico. Il messaggio di oggi smentisce definitivamente ogni ipotesi in campo e conferma quanto negli equilibri interni al Pd napoletano giocassero e giochino tuttora un ruolo importante i vertici del partito nazionale.

ELEZIONI NAPOLI 2016, VALENTE: «ADESSO PENSIAMO A VINCERE»

Un commento della Valente al messaggio di Bassolino non si è fatto attendere. La candidata del centrosinistra in un post su Facebook si è mostrata molto fiduciosa: «Conoscendo Antonio Bassolino e la sua storia politica, non ho mai avuto dubbi sul suo amore per ‪Napoli‬ e sul suo senso di responsabilità verso il Partito Democratico. Adesso pensiamo a vincere e a far ‪vincere‬ Napoli».

(Foto di copertina: ANSA / CESARE ABBATE)