Federica Guidi
|

Federica Guidi in lacrime al compagno in nuove intercettazioni: «Mi stai usando»

Continua il lavoro della procura di Potenza per fare luce sul nodo di Tempa Rossa. Emerge da altre intercettazioni come Federica Guidi si sia in un certo modo “accorta” che il suo compagno Gianluca Gemelli potesse in qualche maniera “usarla” per sfruttare la sua posizione. Secondo un’intercettazione ripresa da Repubblica l’ex ministro dello Sviluppo Economico sarebbe addirittura scoppiata a piangere in una telefonata registrata dalla Procura.

FEDERICA GUIDI, IL RISCHIO DI ALTRI “FAVORI”

Secondo quanto riportato dal Corriere della Sera, poi, ci sono telefonate che delineano meglio il rapporto tra Federica Guidi e Gianluca Gemelli con l’ex ministro che dovrà parlarne con gli inquirenti a Potenza entro la fine della settimana. Il sospetto è che possano essere rivelati altri «favori» fatti dall’allora ministro, come racconta in una telefonata Gabriella Megale, vicepresidente di Confindustria Basilicata.

FEDERICA GUIDI, IL NODO DELL’EMENDAMENTO

Federica Guidi dovrà spiegare ai pm quanto accadde tra ottobre 2014, momento in cui fu bocciato l’emendamento inserito nella norma “Sviluppo Italia” e dicembre 2015, quando lo stesso venne approvato insieme alla legge di Stabilità. Sarà importante poi fare luce sui personaggi che frequentavano Gianluca Gemelli. Secondo gli inquirenti Giuseppe Cobianchi, dirigente Total, parla con Gemelli delle «pressioni» esercitate su ministri e il 23 ottobre spiega:

«Lei sa che c’è una parte importante del progetto che si sviluppa a Taranto e la situazione è anche abbastanza complessa diciamo, quindi… stiamo cercando…Vediamo, speriamo bene… So che anche a livello centrale con i ministeri, insomma i colleghi di Roma hanno dei contatti continui, frequenti, quindi mi auguro che quello che viene dichiarato a livello governativo poi possa trovare applicazione insomma»

Parole che secondo i magistrati confermano che altri ministri insieme a Federica Guidi sono coinvolti per raggiungere il risultato con l’ex responsabile del dicastero dello Sviluppo Economico che dovrà chiarire quali favori le sono stati chiesti e cosa avrà, ma questa è una pura ipotesi investigativa, cosa ha avuto in cambio il ministro.