|

Luigi Lusi, pena ridotta: condannato a 7 anni l’ex tesoriere della Margherita

Luigi Lusi, pena ridotta in Appello: condannato a 7 anni

Riduzione di pena di un anno per Luigi Lusi in secondo grado. L’ex tesoriere della Margherita e senatore è stato condannato a 7 anni, accusato di essersi appropriato di oltre 20 milioni di euro del partito. A deciderlo è stata la Corte di appello di Roma. In primo grado Luigi Lusi era stato condannato a 8 anni di reclusione. Il motivo della riduzione è legato alla prescrizione di due episodi di appropriazione. Riduzioni di pena anche per il commercialista Mario Montecchia (3 anni), per Giovanni Sebastio (2 anni) e Diana Ferri (10 mesi).

LUIGI LUSI CONDANNATO A 7 ANNI IN APPELLO

Per Luigi Lusi e tutti gli imputati l’accusa è di concorso in appropriazione indebita attraverso la sottrazione dalle casse della Margherita di fondi che annualmente venivano riconosciuti alle compagini politiche. La Corte d’Appello ha anche disposto la confisca dei beni già sequestrati nel corso dell’istruttoria del processo di primo grado.

Dopo la condanna in Appello di Luigi Lusi, l’ex leader della Margherita Francesco Rutelli ha replicato: «Accolgo con gioia la piena vittoria anche in Corte d’Appello: essa riafferma l’onore della Margherita, un Partito importante, formato da persone perbene. E dà a me nuovo riconoscimento della totale onestà di tutta la mia vita pubblica. L’ex-Tesoriere Lusi si è trasformato in un ladro e in un calunniatore». 

L’ex sindaco di Roma ha poi aggiunto: «Abbiamo ottenuto la condanna penale, il sequestro e oggi la confisca di tutto il maltolto, che, coerentemente con le decisioni della Margherita, verrà devoluto al Ministero dell’Economia, cui già sono stati donati 6,5 milioni di euro. Severa e limpida è la conferma della condanna di Lusi per calunnia contro di me».