stefano cucchi verbali
|

Giulio Regeni, parla Ilaria Cucchi: «Alla mamma dico: mostrare il cadavere di Stefano fu decisivo»

La sua battaglia prosegue, va avanti. Come da più di sei anni a questa parte, continua a lottare per il suo Stefano. Ilaria Cucchi ricorda bene che per fare luce sullo scempio che vide terribile protagonista il fratello fu necessario un gesto fortissimo, senza mezze misure. La gigantografia della foto di Stefano con le membra tumefatte, il viso gonfio e viola, fece discutere, scandalizzò: ma senz’altro squarciò un velo e permise a quella storia, a quel processo, di non cadere nell’oblio. Oggi Ilaria parla a Paola, la mamma di Giulio Regeni, che nella toccante conferenza stampa di due giorni fa ha giurato di diffondere le istantanee del figlio, torturato e ucciso in Egitto in circostanze tutte da chiarire, se la patina di omertà caduta sul caso non dovesse dileguarsi.

LEGGI ANCHE Giulio Regeni, i genitori al Senato: «Torture così non le vedevamo dal nazi-fascismo» 

Ilaria Cucchi parla a Silvia D’Onghia del Fatto Quotidiano e torna al giorno in cui mostrò al mondo il cadavere di Stefano:

«Mostrare quelle immagini è stato un gesto sofferto, ma indispensabile, fondamentale. Il vero momento di svolta. Solo che non posso non chiedermi perché una famiglia che è già stata sottoposta a una violenza inaudita deve pure trovare la forza per mostrare quello che è successo al proprio caro. […] Noi avevamo uno scoglio da superare: mettere l’opinione pubblica di fronte a un fatto che avrebbe reso impossibile girarsi dall’altra parte»

Cosa direbbe alla mamma di Giulio? chiede D’Onghia:

«Di avere la certezza che tutto ciò che farà lo farà per suo figlio. Mai dovrà sentirsi in colpa, neanche se sceglierà di mostrare le foto di quel corpo irriconoscibile. Forse in alcuni momenti sentirà il bisogno di chiedergli scusa. Ma tutto ciò che farà servirà a dimostrare che la vita di suo figlio conta qualcosa»

Photocredit copertina ANSA/MASSIMO PERCOSSI