“Celentano? Vanitoso e ripugnante”

26/02/2012 - di

Paolo Villaggio dà un po’ di spettacolo su RaiUno

Paolo Villaggio scatenato. Ospite a “L’Arena” di Massimo Giletti, programma della domenica pomeriggio di RaiUno, il comico genovese ha dato vita ad un vero e proprio show, affrontando con disinvoltura e cinismo una serie di argomenti. Alla prevedibile domanda su Adriano Celentano, ad esempio, Villaggio ha risposto senza mezzi termini: “Mi aspettavo esattamente tutto quello che ha fatto. E’ un personaggio di una vanità ripugnante”.

GLI ANEDDOTI - L’attore 79enne ha poi raccontato alcuni aneddoti su Silvio Berlusconi e Fabrizio De André, personaggi con cui da giovane condivise il lavoro sulle navi: “Facevo l’animatore sulle crociere, ero il piu’ antipatico. Con me c’erano Berlusconi, che faceva il pianista, relegato in fondo, vicino alle eliche e Fabrizio De André. Sono sempre stato invidioso di Fabrizio, era troppo vanitoso – ha scherzato Villaggio -. Sono stato invidioso di lui anche da morto, al suo funerale, era diventato troppo famoso”.

CINISMO - L’ironia di Villaggio si è trasformata rapidamente in cinismo, o forse realismo. “Il mio Fantozzi? Lui un posto fisso almeno ce l’aveva – ha sottolineato l’attore ligure -. Oggi gli impiegati si vestono da giovani e sono infelici”. Una visione disincantata del mondo e del futuro: “Se credo in Dio? Sono dell’avviso che oggi credere in Dio sia molto difficile”. [tmnews]

14 Commenti

  1. trimbulzio scrive:

    Qualche volta antipatico, qualche volta inopportuno, con un sense of humor non alla portata di tutti.
    Una scomoda intelligenza che molti di noi si sognano.
    Un grande, Paolo Villaggio.

    • Pogrom scrive:

      “sense of humor”… E poi vi offendete se vi chiamano snob radical-chic XD
      (Ah: PV è ben degno di stima, ma mi cade sul Molleggiato, gran peccato…)

  2. iotuegli scrive:

    con molto dispiacere devo dire che negli ultimi 15 anni non ho mai condiviso le parole e gli atteggiamenti di Villaggio,qualunque argomento toccasse…..eppure mi dispiace perche’ con il personaggio di Fantozzi aveva dimostrato una grande intelligenza e lucidita’,bah….

  3. SOLEADA scrive:

    mi spiace dirlo, ma villaggio sta distruggendo tutto l’alone di simpatia che lo avvolgeva ….aveva inventato un personaggio fresco e irripetibile, simpatico e che coinvolgeva tutti noi che spesso ci ritrovavamo nel suo Fantozzi. Ora si sta incarognendo come un vecchio acido, saccente e spocchioso. Peccato! sta demolendo un mito…..

    • michele scrive:

      incarognendo? perchè? ha solo detto quello che pensa senza offendere… a 80 anni se lo può permettere di togliersi qualche sassolino dalla scarpa no!? :)

    • Remo scrive:

      Veramente la stessa cosa la penso di Celentano , gli aggettivi di acido , saccente e spocchioso gli calzano a pennello , Villaggio ha visto giusto, Celentano è sempre stato una persona arrogante ,basta pensare al fatto che cè chi gira con la guardia del corpo e chi come Celentano con l’avvocato per via dei suoi continui litigi. Non è Celentano il personaggio che si può permettere di fare il predicatore perchè i suoi discorsi non hanno un fine ….non concludono e non offrono una soluzione al problema , a volte penso che non ha capito nemmeno lui cosa va dicendo. Le sue migliori perfomance ? Quando canta e quando sta zitto ….

      • laura ceruti scrive:

        Veramente si sbaglia, Celentano è uno che ha una grande fede ee non è vero che i suoi discorsi non hanno un fine, il fine per Celentano e lo dice da sempre è l’Amore e la vita che continua dopo la morte, cioè il Paradiso, poi se lei non ci crede è un altro conto, ma non è vero che celentano non abbia le idee chiare o le soluzioni, ce l’ha eccome, per celentano l’unica soluzione a questo mondo di m, è la fede e la speranza, anzi certezza che ci sia dell’altro oltre a questo mondo che è solo una schifezza, più fine di così! e io sono perfettamente d’accordo con lui!

  4. o.o scrive:

    credo non sia poi così giusto attribuire al personaggio di Fantozzi tutta questa simpatia.è un personaggio comico,certo,ma è anche e soprattutto un personaggio triste,circondato da una società triste e una moglie succube e ancor più priva di ambizioni . io invece vedo nelle parole di Paolo Villaggio una grande lucidà. d’altra parte credo sia erroneo paragonare l’attore al personaggio,è per questo che molti attori di Fantozzi si sono ritirati dal mondo del cinema (vedasi Liù Bosisio e Plinio Fernando).

  5. pkg scrive:

    Celentano gliene ha cantate ai 4 venti a tutti e basta…. vogliate o no questa e la storia…e non sono comunista.

  6. Gherardo Maffei scrive:

    Paolo Villaggio è un comico dalla straordinaria intelligenza,dissacratore per antonomasia, è la personificazione dell’italiano medio, Fantozzi per l’appunto.Con un particolarità che l’italiota medio non ha, cioè non è superstizioso o credente; in tutto questo vi è l’uomo e il comico Paolo Villaggio, che più volte ha fatto professione pubblica, di non essere un credente. A rappresentare l’italiano medio ci aveva provato anche Alberto Sordi, ma con lui la maschera non era italiana, ma bensì romanesca, con tutti i suoi limiti. Voglio dire:”Francia Spagna, purché se magna”! Per quanto riguarda Celentano, quando parla di cose attinenti alla sfera del sacro, concordo con Villaggio,è vanitoso e ripugnante.Celentano riesce a screditare ogni possibile serio approccio alla fede.La sua visione del mondo e della religione è quella che può avere solo un “ignorante della madonna”; per l’appunto. Che qualcuno che gli vuole bene,che so un familiare, un collaboratore, un cantante, gli dica di smettere è ancora in tempo!Quando parla di Dio e del paradiso è come sentire uno che bestemmia in Chiesa, o parla di corda in casa dell’impiccato.

    • vivi scrive:

      ..Non cambierei mai Celentano con Villaggio..ma neanche 10 minuti..lui si che è vanitoso..e parecchio opportunista. Non mi piace la gente poco chiara ha un chè di lecchino,mai piaciuto.

    • laura ceruti scrive:

      lei sbaglia proprio a 360 gradi, si ricordi che le vere persone di fede sono quelle che più si affidano al cuore e non all’intelligenza e che, per chi crede ovviamente, la Madonna è sempre comparsa o a bambini innocenti o a persone ignoranti! a lei, così saccente, ma che in realtà non sa proprio niente, la Madonna, mi potrò sbagliare, ma non apparirà mai non abbia paura! si ricordi che la fede proprio in quanto fede, non la puoi spiegare nè con la cultura nè con l’intelligenza. perchè con la ragione non c’entra un piffero! sono due cose in antitesi

  7. Simone scrive:

    Mi meraviglio della gente che difende Celentano!! Pagato per dire le più grandi ovvietà di questo pianeta, da notare l’intro con quegli effetti speciali da serie Z… Villaggio è sincero e la verità è spesso antipatica…..Celentano non riesce nemmeno a esprimersi in un italiano decente e voi CRITICATE UNA MENTE COME QUELLA DI VILLAGGIO???????? parliamo di uno che ha fatto uno dei film più costosi del cinema italiano nonchè fra i più egocentrici, Joan Lui…….Ve lo ricordate??? Lui, il nuovo messia…….terrificante! Siete proprio uguali a Celentano..,

  8. laura ceruti scrive:

    vorrei dire che Villaggio quando dice che Celentano è di una vanità ripugnante, non per questo lo sta insultando, anche perchè poco dopo dice che ha sempre invidiato De Andrè perchè più famoso di lui, anch’egli vanitoso all’inverosimile, ma Villaggio e De andrè erano grandi amici, grandissimi amici, quindi quanto Villaggio ha detto di celentano può essere pure la verità. ma non è detto che sia un moto di diprezzo anzi…Villaggio è troppo intelligente e sottile per essere liquidato o essere tirato per la giacchetta da una parte o dall’altra…

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Ultime Notizie