Formula 1 2016 Gran Premio d'Australia
|

Formula 1 2016, Gran Premio d’Australia: il giro a Melbourne

Un giro con Lewis Hamilton per scoprire i segreti del circuito di Albert Park, della prima gara della Formula 1 2016, il Gran Premio d’Australia. Vi proponiamo il video del giro che nel 2015 è valso la Pole Position per Lewis Hamilton al volante della Mercedes con una descrizione della pista.

LEGGI ANCHE: Gran Premio d’Australia, Vettel: «Dobbiamo battere le Mercedes»

 

FORMULA 1 2016 GRAN PREMIO D’AUSTRALIA GLI ORARI IN TV SU SKY E RAI

FORMULA 1 2016 GRAN PREMIO D’AUSTRALIA, I SEGRETI DEL CIRCUITO DI MELBOURNE

 

Al termine del rettilineo di partenza si entra alla curva Jones, curva 1 sulla destra da percorrere in terza marcia a 180 chilometri orari. La staccata è violenta, si passa da 322 chilometri orari a meno di 200 in pochi decimi con una decelerazione di 5,2 G e una pressione sul pedale di 155 chilogrammi. Da lì si passa alla curva 2, la Brabham, con uscita a 180 chilometri all’ora. Dopo un breve rettilineo si arriva alla curva 3, prima di un “complex” di tre curve chiuse destra-sinistra-destra. L’ultima, la Whiteford, curva 5, da affrontare in pieno, porta in un altro breve rettilineo che porta alla curva 6, curva a destra, da affrontare in terza a 120 chilometri orari. La curva 7, la Lauda, lunga e ad arco ad affiancare il lago di Albert Park, porta fino alla curva 9, la Clark, curva a destra, da percorrere in seconda a 100 chilometri orari. Si tratta della seconda curva più difficile del Gran Premio con una decelerazione di 4,8 G e una pressione sul freno di 145 chilogrammi. La curva 10, in uscita, apre verso un altro rettilineo che porta alla 11, la Waite, molto difficile, da affrontare a 200 chilometri orari verso sinistra. Si esce dalla Waite e si prende la curva 12 prima di lanciarsi nuovamente verso la 13, la Ascari, altra curva impegnativa con una decelerazione di 5 G e una pressione sul pedale del freno di 154 chilogrammi. La Ascari gira verso destra per la Stewart che ancora verso destra porta alla Prost, un angolo a sinistra da percorrere in seconda. Le macchine arrivano alla curva 16 da fare in terza a 150 chilometri orari per tornare sul rettilineo principale.