|

Gli insulti razzisti dei tifosi del Napoli

Il Chelsea denuncia i supporters partenopei e minaccia il ricorso alla Uefa

“Il Chelsea Football Club trova ogni forma di comportamento discriminatorio totalmente orribile e crediamo che non abbia alcun posto in questa società. Se un membro del nostro team fosse coinvolto in abusi razzisti troveremmo una cosa del genere totalmente inaccettabili e questo sarebbe certamente riportato nelle nostre conversazioni con la Uefa”: nemmeno è cominciato il match di Champions League fra la blasonata squadra inglese e i partenopei del Calcio Napoli che già la società londinese mette le mani avanti. Se i napoletani si comportassero male, da Londra arriveranno lamentele ufficiali.

LE CONTESTAZIONI – Principale destinatario delle contestazioni che hanno messo il Chelsea in preallarme è l’attaccante Daniel Sturridge, inglese nero che, scrive il Sun,  “insieme ad altri membri della squadra si sono visti indirizzare imitazioni di scimmie mentre arrivavano al loro hotel ieri. Circa 150 fan del Napoli hanno iniziato i gestacci mentre Sturridge si apriva la strada dall’autobuse hanno ripetuto i cori mentre la squadra si riuniva per il pranzo”. Davanti al Grande Albergo Vesuvio, scrive il Guardian, in generale la squadra della Premier League è stata trattata molto bene, fino a quando dall’autobus non è sceso Sturridge.

“STATE BONI SE POTETE” – Il Napoli ha già diffuso un comunicato in cui chiede ai tifosi di comportarsi bene. “In occasione della gara di andata degli ottavi di finale di Champions League Napoli-Chelsea, che si disputerà martedì 21 allo stadio San Paolo”, scrive il club,”la SSC Napoli rivolge un ulteriore e rafforzato appello ai tifosi affinchè rispettino le norme vigenti in materia di sicurezza, in linea con le regole Uefa. Norme la cui violazione comporterebbe la squalifica del campo, compromettendo così altri grandi appuntamenti di rilievo internazionale a Fuorigrotta”. Il rischio, concreto, è infatti che con una lamentela ufficiale da Londra il San Paolo venga squalificato dalle competizioni Uefa. “In particolare la SSC Napoli sensibilizza i propri supporter a non utilizzare fumogeni o materiale pirotecnico, a lasciare libere le scale e tutte le altre vie di fuga, e a non occupare il terzo anello che, come ben noto, è chiuso al pubblico. Pertanto si invitano i tifosi napoletani a contribuire alla serata di sport nel rispetto del clima sereno e della passione autentica dei tifosi azzurri, per poter vivere una splendida serata di calcio caratterizzata da entusiasmo, calore e pacifica passione sportiva”