Inter-Sampdoria diretta live
|

INTER-SAMPDORIA 3-1, due difensori e Icardi fanno sorridere Mancini. E Mourinho

INTER-SAMPDORIA RISULTATO 3-1 in DIRETTA LIVE SERIE A DI SABATO 20 FEBBRAIO 2016

INTER-SAMPDORIA 3-1, LE PAGELLE E IL TABELLINO –
Inter-Sampdoria 3-1
(primo tempo 1-0)

MARCATORI: D’Ambrosio (I) al 23′ p.t.; Miranda (I) al 12′, Icardi (I) al 28′, Quagliarella (S) al 47′ s.t.

INTER (4-4-2): Handanovic 6,5; D’Ambrosio 6,5, Miranda 7, Murillo 5,5, Nagatomo 6; Biabiany 7 (dal 34′ s.t. Gnoukouri), Felipe Melo 6, Brozovic 5,5 (dal 43′ s.t. Jovetic), Perisic 5; Eder 5 (dal 18′ s.t. Ljajic 5,5), Icardi 6,5. (Carrizo, Berni, Juan Jesus, Palacio, Santon, Zonta, Popa, Manaj). All. Mancini 6,5

SAMPDORIA (3-4-2-1): Viviano 5,5; Cassani 5,5, Ranocchia 4,5, Silvestre 5,5; Ivan 5,5 (dal 23′ s.t. Muriel 6), Soriano 5, Fernando 5,5, Dodo 6; Alvarez 6,5 (dal 40′ s.t. Christodoulopoulos), Correa 6,5 (dal 34′ s.t. Krsticic); Quagliarella 7. (Puggioni, Brignoli, Moisander, Barreto, Rodriguez, Palombo, De Silvestri, Skriniar, Cassano). All. Montella 5

ARBITRO: Massa di Imperia.
ammoniti Ranocchia (S), Dodò (S), Brozovic (I), Miranda (I) per gioco scorretto, Nagatomo (I) per c.n.r.

IL FOTORACCONTO DI INTER-SAMPDORIA 3-1 –

LEGGI ANCHE: INTER-SAMPDORIA 3-1 |  VIDEO GOL E HIGHLIGHTS

93′- Partita finita, Inter momentaneamente quarta. Samp a un passo dal baratro

91′- QUAGLIARELLA GOL! GRAN TIRO, 3-1!

90′- Tre minuti di recupero.

88′- Cori per José Mourinho. Assordanti, soprattutto per Mancini.

87′- Fuori Brozovic, dentro Jovetic che forse Mancini vuole “umiliare” dopo 4 panchine consecutive con una manciata di minuti a risultato acquisito.

84′- Esce Ricky Alvarez, applaudito dal pubblico nerazzurro che ne ha conservato, nonostante la discontinuità, un buon ricordo, dentro Christodoulopoulos.

80′- José Mourinho lascia la tribuna e lo stadio tra gli applausi dei tifosi, ancora innamorati di lui. Abile mossa per oscurare il risultato rotondo di quello che è stato il suo predecessore e che ora è anche suo erede.

79′- Fuori Correa, dentro Krstcic.

78′– Entra Gnokouri, che non si vedeva dalla prima giornata, esce un applauditissimo Biabiany.

76′– La Samp ci prova con i bei tocchi di Correa e Alvarez, ma è dietro che non funziona. Montella sconsolato scuote la testa e mormora “non siamo una squadra”.

73′- PRIMA MURIEL SBAGLIA IL COLPO DI TACCO, POI RANOCCHIA BUCA L’INTERVENTO DIFENSIVO COME SPESSO GLI E’ SUCCESSO QUI A SAN SIRO, MA IN MAGLIA NERAZZURRA. E COSI’ MAURITO PARTE IN CONTROPIEDE SOLITARIO E SULL’USCITA DI VIVIANO LA PIAZZA DI PRECISIONE. PALO-GOL E RETE NUMERO 11 PER L’ITALO-ARGENTINO E ANCORA UN GOL CONTRO LA SUA SAMP! 3-0!

72′- Tocco di mano molto ingenuo di Nagatomo su lancio di Dodò per Correa. Giallo anche per il giapponese.

70′- Montella se vuole cambiare il senso e il verso della partita deve fare entrare Antonio Cassano. Solo la giocata di un campione può sbloccare i liguri.

68′- Esce Ivan entra Muriel, finora arrivato a sei gol in campionato.

65′- Correa tenta la soluzione individuale. Per talento e frustrazione. Niente da fare.

62′- Eder non si sblocca neanche contro la sua Samp e lascia il campo per Ljajc. Prima sostituzione della partita.

59′- Ora per la Samp si fa durissima, anche se Quagliarella fa impazzire Murillo e poi gira a rete. Di poco alta: molto sfortunato ma combattivo l’attaccante campano.

56′- E ANCORA UNA VOLTA L’INTER SEGNA NEL SUO PERIODO PEGGIORE! ANCORA SU ANGOLO! CORNER, TORRE DI FELIPE MELO, MIRANDA SCEGLIE BENE IL TEMPO E VA DI TESTA. PALLA PARATA DA VIVIANO, MA UN METRO DENTRO LA PORTA. QUALCHE ISTANTE DI SUSPENSE, POI IL GIUDICE DI LINEA CONFERMA: E’ 2-0. 

55′- Giocata deliziosa di Icardi, finora nullo. Stop a seguire, poi tentativo di assist di tacco. Bellissimo gesto tecnico, ma bravo Dodò a capire tutto e a liberare.

54′- Partita che sembra essere andata in sonno. Ecco perché Montella urla e si agita: vuole tornare in partita.

50′- Che occasionissima per la Samp! Punizione di Alvarez, Dodò prende la palla di testa, mette fuori tempo tutta la difesa nerazzurra, Ranocchia sulla linea è in ritardo di un nulla (anche a causa di un placcaggio di D’Ambrosio precedente).

49′- Correa si conferma molto pericoloso, con una finta e un’accelerazione ubriaca Miranda, che lo trattiene e lo atterra. E prende un giallo. Punizione pericolosa per la Samp, sei uomini a saltare in area per gli ospiti.

46′- Riparte anche il secondo tempo con ritardo. Massa contestato dai doriani al rientro in campo, ma c’era anche l’espulsione di Ranocchia.

45′- Neanche un secondo di recupero. Inter brutta ed efficace, Samp bella e fragile. Risultato? Un gol casuale di D’Ambrosio e un rigore clamoroso non dato alla Samp per un fallo di mano dello stesso difensore nerazzurro fissano un 1-0 che non potrebbe essere più ingiusto.

42′- Ora il giallo è per un Brozovic irritante per le sue disattenzioni. Ed è un’ammonizione pesante: era diffidato, salterà la Juventus.

37′- Clamoroso errore di Massa: bomba di Correa, D’Ambrosio da solo in area para il tiro con il braccio destro largo. E’ rigore solare, ma non arriva alcun fischio. Samp derubata.

36′ – Ora l’Inter ha avanzato il baricentro, sfrutta bene le individualità mentre i blucerchiati sembrano sciogliersi sotto il peso del vantaggio nerazzurro. Non a caso gli ospiti secondo le statistiche non riescono a rimontare mai.

34′- Brozovic dopo un bel po’ di errori azzecca un gran filtrante per Eder, che all’altezza del dischetto del rigore è solo con Ranocchia e Viviano davanti. Ma è il primo ad anticiparlo alla grande.

32′- La Samp ora sembra più stanca e avvilita. L’Inter prova a trovare fiducia. Soprattutto con Biabiany, che all’inizio della sua nuova cavalcata trova Dodò che lo abbatte con un bruttissimo fallo. Giallo anche per il brasiliano blucerchiato.

28′- Sulle fasce si aprono praterie: Dodò corre felice ma non molto efficace, Alvarez pure. Dall’altra parte Biabiany ha già fatto due sgroppate pericolose da 60 metri.

25′- La Samp reagisce subito e in mezzo all’area prima con Dodò e poi con Silvestre non gira a rete. L’ex Catania e Inter tira a botta sicura, Felipe Melo alla disperata para con il suo corpo ed esulta come dopo un gol subito dopo. L’Inter gioca male ma vince, la Samp fa spettacolo ma perde.

22′- GOL DI D’AMBROSIO, QUINTO GOL IN SERIE A PER LUI, PRIMO IN STAGIONE! SUL QUARTO CORNER, DI NUOVO SPIZZATA DI TESTA IN AREA, VIVIANO NON ESCE E FERNANDO RIMANE SULLA LINEA DI PORTA A TENERE IN GIOCO TUTTI. RISULTATO: D’AMBROSIO E MIRANDA SOLISSIMI DAVANTI ALLA PORTA, GIRA A RETE FACILE L’EX GRANATA.

20′ – Dopo tre corner piuttosto estemporanei dell’Inter, ancora la Samp al comando delle operazioni. Grazie soprattutto a Ricky Alvarez, ex nerazzurro, che la fa da padrone sulla destra. Prende una punizione, cross di Fernando, Miranda devia e mette di poco fuori tempo ancora Ranocchia.

17′- Su contropiede dell’Inter Ranocchia violento e da dietro su Eder. Ammonizione giusta per l’ex capitano nerazzurro. I due hanno fatto il viaggio Genova-Milano in senso opposto solo un mese fa.

14′- In Nord campeggiano striscioni che intimano a società e giocatori di tirar fuori gli attributi, le voci nerazzurre si alzano contro Ronaldo a cui non viene perdonato il passaggio al Milan a fine carriera.

13′- Azione imbarazzante ed esemplare della crisi tecnica dell’Inter: angolo, Eder sul primo tempo allunga bene di testa, in area sulla sinistra Perisic da solo si incarta e manda sul fondo un pallone molto pericoloso.

12′- Ancora Quagliarella! Taglia dettando il passaggio a Correa, prende il tempo a Miranda e prova a incrociare alla Van Basten. Gran tiro, non va. Ospiti padroni del campo.

11′- Su calcio d’angolo imperioso Ranocchia che prende il tempo a tutti e incoccia potente il pallone di testa. Palla di poco oltre la traversa.

10′ – Ivan recupera un gran pallone sulla destra, crossa basso, bravo Quagliarella a girarsi e tirare. Handanovic salva di piede sul suo palo.

8′- Il Mancio se la prende anche con Brozovic, l’unico che prova a far bene per ora è Eder, contro i suoi ex compagni. Ma i nerazzurri sembrano bloccati dalla paura.

5′- Quagliarella prima, un ubriacante Alvarez poi (a cui non viene fischiato un fallo sulla trequarti), un recupero su Miranda. Samp domina, Inter ancora prudente e disorientata. E Mancini urla contro Felipe Melo che ha già inanellato diversi errori.

3′- Inter timidissima, Sampdoria in pressing che prova a darsi profondità con un Quagliarella molto volitivo. Ma su scatto di Eder, su lancio lungo, buona uscita di Viviano che lo anticipa.

1′- Partiti. Sampdoria subito propositiva.

20.47– Le squadre se la prendono con comodo. Solo ora suona l’inno della serie A di Giovanni Allevi, a squadre schierate.

20.20– Anche Montella mischia le carte. Non ci sono Muriel e Cassano, al loro posto Alvarez e Quagliarella. A centrocampo il giovanissimo Ivan in luogo di De Silvestri.

20.09- Mancini stupisce tutti, non rischia la sua scoperta Gnokouri, e mette un 4-4-2 molto aggressivo: Brozovic e Felipe Melo in mediana, con Biabiany e Perisic sulle ali. Davanti Eder e Icardi, panca per Palacio.

INTER SAMPDORIA STREAMING SERIE A 20 FEBBRARIO 2016