Alessandro Di Battista
|

Elezioni Roma 2016, i provini tv del Movimento 5 Stelle per il candidato

Elezioni Amministrative 2016. Nella scelta del proprio candidato a sindaco di Roma il Movimento 5 Stelle ricorrerà anche ai provini tv. I pentastellati stanno organizzando un vero e proprio casting prima di presentare agli elettori i 218 attivisti in corsa nella Capitale. Nel quartier generale della campagna M5S per la Capitale c’è un videomaker assunto per riprendere 20 candidati al giorno.

 

Segui lo speciale di Giornalettismo: Elezioni Roma 2016: quando e come si vota per il sindaco alle Comunali

 

 

ELEZIONI ROMA 2016, IL CASTING DEL MOVIMENTO 5 STELLE

Non saranno più caricati sul web quindi, come capitato invece alle Politiche del 2013, dei filmati realizzati in casa dagli stessi militanti. Lo racconta Annalisa Cuzzocrea su Repubblica:

Stessa inquadratura, stesso tempo per esprimere i concetti base del loro programma. Niente campi fioriti o sguardi che si perdono in un tramonto sul mare. Niente tinello e cucina o librerie a far da sfondo. Quel che si era visto per le candidature nazionali è stato considerato troppo a rischio: «Non possiamo più permetterci di apparire ridicoli». Così, quelli che vanno in scena sono provini in piena regola. Quando saranno selezionati col voto on line sul blog, i 218 diventeranno 48. I primi 10 saranno i candidati sindaco da votare al secondo turno sul blog. Prima però, a giorni, dovrebbe arrivare il programma.

L’obiettivo dei vertici del Movimento è quello di porre tutti i candidati sullo stesso livello (e non solo di evitare gaffe dei militanti). Come spiega Repubblica si tratta di una necessità, quella di mettere tutti alla pari, che riguarda non solo la base, ma anche i personaggi più noti dei 5 Stelle. Il guru Gianroberto Casaleggio si informa ogni giorno sulla situazione della Capitale e il suo ufficiale di collegamento, Alessandro Di Battista, gli ha riferito di problemi delle ultime settimane, come la concorrenza tra i due principali candidati, i consiglieri uscenti Marcello De Vito e Virginia Raggi.

(Foto: ANSA / GIUSEPPE LAMI)