pd roma materassi
|

E nel circolo Pd Roma Villa Gordiani si vendono materassi per autofinanziarsi

Non è una novità: l’iniziativa si è tenuta il 16 novembre scorso. Una delle tante, ci dice Riccardo Vagnarelli, segretario del Circolo Pd Villa Gordiani. Fa sorridere, certo, che in una sezione del Partito Democratico di Roma si proponga la vendita dei materassi; questo, è, però, inevitabile visto lo stato finanziario del partito commissariato da Matteo Orfini. E, dicono dallo staff del commissario Pd Roma, uno degli impegni principali della gestione del leader dei Giovani Turchi è appunto quello di censire minuziosamente l’ammontare dei debiti della Federazione romana: “Una volta al giorno si presenta qualcuno che pretende soldi, sta diventando estenuante“, raccontano.

E NEL CIRCOLO PD VILLA GORDIANI SI VENDONO MATERASSI PER AUTOFINANZIARSI

E i circoli si attrezzano come possono, visto che la federazione sostiene un debito che rischia di arrivare anche ad oltre due milioni di euro. Anche con le vendite dei materassi, sì: e così nei locali del Pd Villa Gordiani si è tenuto a metà del mese scorso “un incontro conviviale” con una ditta abbastanza attiva a Roma. Funziona così: la promoter di turno chiede all’organizzazione di procurare una ventina di coppie che assistano alla promozione del materasso, nessuno è tenuto a comprare nulla, e alla fine il luogo che ha ospitato l’evento riceve una quota abbastanza sostanziosa, che in questo caso è finito nelle tasche del circolo.

LEGGI ANCHE: Elezioni Roma 2016, segui tutti gli aggiornamenti

Che c’è di strano?“, ci dice al telefono Riccardo Vagnarelli, segretario del circolo: “A Villa Gordiani abbiamo sempre fatto iniziative di autofinanziamento, da quelle più solite come le cene di sottoscrizione e i mercatini di autofinanziamento, ad occasioni come queste; se si presenta la possibilità lo facciamo con piacere”. D’altronde, dicevamo, la situazione dei circoli romani non è rosea: “Da quando c’è la gestione commissariale, mi preme dirlo, il quadro è comunque migliorato, con gli accorpamenti ci sono minori spese e minori costi di gestione. Non ancora risolta, ma migliorata sì”, conclude Vagnarelli.

Copertina: Wikimedia Commons