|

Il pedofilo bruciato vivo che non era un pedofilo

Il 14 luglio del 2013 un gruppo sedicenti giustizieri ha attaccato, linciato e bruciato di fronte a casa sua Bijan Ebrahimi, un disabile accusato a torto di essere un pedofilo. Oggi vanno a processo tre agenti di polizia e un assistente sociale, accusati di non aver protetto l’uomo perché lo disprezzavano, credendo alla vox populi.

 Manizhah Moores (C) accompanied by her solicitor Tony Murphy (L) give a statement outside Bristol Crown Court following the sentencing of the killer of her brother, Iranian-born Bijan Ebrahimi on November 28, 2013 in Bristol, England. Vigilante Lee James was jailed for life after admitting he murdered his disabled neighbour who had been wrongly branded a paedophile. The family of Bijan Ebrahimi have said the police didnt do enough to protect him and an Independent Police Complaints Commission investigation has led to four constables, a sergeant and an inspector being served with notices of gross misconduct in the wake of the attack. (Photo by Matt Cardy/Getty Images)
Manizhah Moores, sorella di Bijan Ebrahimi, ha denunciato 4 ufficiali imputando loro la mancata protezione del fratello  (Photo by Matt Cardy/Getty Images)

 

ATTENTI AL PEDOFILO –

Bijan Ebrahimi era nato in Iran nel 1969 e si era trasferito in Gran Bretagna nel 2000, ottenendo nel 2001 il permesso di residenza a tempo indeterminato. Ebrahimi era anche disabile e soffriva di depressione, ma il suo vero problema era quello di assere inseguito da una diceria che lo denunciava come pedofilo, anche se a suo carico non esistono denunce del genere e nemmeno la memoria della frequentazione di bambini.

LA CACCIA AL PEDOFILO –

Per questo nel 2007 qualcuno gli bruciò l’auto e la porta di casa, spingendo gli assistenti sociale ad organizzargli un trasloco. Ma le voci non smisero d’inseguirlo, tanto che nel 2013 si trovò ad affrontare un vicino, Lee James, che lo minacciava ripetutamente. Chiamata la polizia per denunciarlo,  Ebrahimi fu arrestato e trattenuto per un giorno dagli agenti intervenuti, mentre James gridava di essere disposto ad andare in galera per difendere i propri figli. Due giorni più tardi James e un altro hanno aggredito Ebrahimi e dopo averlo pestato gli hanno dato fuoco, proprio di fronte a casa sua e a numerosi testimoni, che facevano il tifo per l’assassino più che per la vittima.

LEGGI ANCHE: Jozef Wesołowski, il dubbio sulla morte del vescovo pedofilo: si è avvelenato?

DOPO IL LINCIAGGIO SI SCOPRE CHE NON ERA PEDOFILO –

James sta scontando l’ergastolo, Ebrahimi non era un pedofilo e la sua famiglia ha preso malissimo il comportamento della polizia, tanto da denunciare i 3 agenti e l’assistente sociale che presero in carico le denunce del fratello. In questi giorni il processo è giunto in aula nel tribunale di Bristol e la procura ha sostenuto che l’evidente sottovalutazione della denuncia è stata provocata dal disprezzo provato dai 4 per Ebrahimi, che anche loro credevano erroneamente un pedofilo. I 4 negano decisamente, ma la loro situazione non appare facile, visto che la procura sembra effettivamente convinta che la morte dell’uomo sia imputabile alla mancata adozione di provvedimenti e comportamenti che nel caso degli ufficiali coinvolti sembravano doverosi, anche se il povero Ebrahimi fosse stato davvero un pedofilo.