tarcisio bertone
|

Il Bambin Gesù chiede i soldi indietro a Bertone

La telenovela della costosa ristrutturazione dell’attico di Tarcisio Bertone in Vaticano (200mila euro di spese) non è affatto finita. Il pagatore dei lavori, l’ospedale Bambin Gesù, pagatore anche dei voli in elicottero del cardinale in Basilicata (costati 23.800 euro), chiede indietro i soldi. Il prelato ha già fatto sapere che non li restituirà. Ma c’è di più.

 

LEGGI ANCHE: Papa Francesco a Prato: «Corruzione e sfruttamento sul lavoro sono un cancro»

 

Ieri, in un’intervista radiofonica, il professor Giuseppe Profiti, 54 anni, calabrese, ex presidente della Fondazione Bambin Gesù, ha parlato della ristrutturazione come di un operazione di marketing sociale. Grazie a Bertone le donazioni aumentavano del 70 per cento. Scrivono oggi Carlo Picozzi e Corrado Zunino su Repubblica:

Con i soldi dell’ospedale pediatrico nell’autunno 2013 il professor Profiti — ex finanziere, ex ragioniere di Stato, titolare di una cattedra di contabilità pubblica all’Università di Genova — ha anticipato lavori di risistemazione e tinteggiatura per i 296 metri quadri al terzo piano di via San Carlo. Anticipato per sempre. Lo stesso manager, a Giovanni Minoli e su Radio 24, ieri ha detto: «Il cardinale Bertone risulta aver rimborsato la parte di ristrutturazione sostenuta dallo Stato Città del Vaticano. Il contributo della Fondazione Bambino Gesù alla ristrutturazione era coperto da un’erogazione dell’impresa costruttrice, ma l’azienda ha avuto problemi e non ha erogato». Non ha dato cifre, Profiti. Ha detto che avrebbe voluto utilizzare l’attico del cardinale per fare attività di fundraising in favore del Bambino Gesù, marketing sociale. Ha detto anche che grazie alla presenza di Bertone le donazioni aumentavano del 70 per cento: «Rifarei tutto».

I dubbi, però, restano. Continuano Picozzi e Zunino su Repubblica:

Non ha spiegato, però, come mai non tornino le somme tra l’anticipo dall’ospedale e il versamento del cardinale, come mai Bertone dichiari di non conoscere gli investimenti sul suo attico da parte del Bambino Gesù e come mai, oggi, la nuova amministrazione della Fondazione chieda a Bertone i 200.000 euro indietro (ha già fatto sapere che non li restituirà).

(Foto di copertina: Ansa / L’Osservatore Romano)