Valentino Rossi honda
|

Valentino Rossi, parla Honda: “Non possiamo accettare le sue accuse”

La Honda risponde a Valentino Rossi dopo le accuse rivolte dal numero 46 a Marc Marquez. E per farlo sceglie il vicepresidente Shuhei Nakamoto, vicepresidente della HRC, Honda Racing Corporation: “Non possiamo accettare le accuse che ha rivolto al nostro pilota (riferendosi a Marc Marquez ndr) e alla Honda in queste settimane“.

Valentino Rossi honda
(Photo by Mirco Lazzari gp/Getty Images)

VALENTINO ROSSI E HONDA, NAKAMOTO: “PER LUI UN GIORNO DIFFICILE MA NON POSSIAMO ACCETTARE CERTE ACCUSE”

Parole dure del dirigente nipponico, ripreso dalla Reuters: “Non è questa l’atmosfera che speravamo per chiudere una stagione straordinaria. Capiamo che sia stato un giorno molto difficile per Valentino ma d’altra parte non possiamo accettare le sue accuse. Valentino ha dichiarato che Marquez non ha fatto niente per passare l’avversario. Jorge Lorenzo ha avuto un passo straordinario per tutto il weekend e l’ha dimostrato con una straordinaria pole position. Marc ha fatto fatica a stare dietro a Lorenzo per tutto il Gran Premio ma sia lui sia Dani Pedrosa sono stati bravi a non farlo fuggire“.

 

LEGGI ANCHE: Jorge Lorenzo: “Valentino Rossi sa che era la sua ultima occasione”

 

NAKAMOTO: “ABBIAMO FATTO IL MASSIMO PER IL TEAM E I PARTNER. VALENTINO ROSSI CAPIRÀ”

Nakamoto ha inoltre risposto a Valentino Rossi spiegando che la tattica di Marc Marquez era quella di attaccare Jorge Lorenzo nell’ultimo giro, tattica vanificata dal recupero di Dani Pedrosa: “Ci dispiace che Valentino creda che non sia vero ma siamo certi che Marc e Dani abbiamo spinto al 100 per cento al fine di raggiungere il miglior risultato possibile per il team, i nostri partner e il nostro sponsor. Per questo non possiamo accettare le sue accuse. Si tratta della percezione di una persona, percezione che rispettiamo ma che non corrisponde a realtà“. “Valentino -conclude Nakamoto- è un ragazzo intelligente e spero che una volta calmate le acque possa riconsiderare quanto accaduto e accettare il risultato di Valencia, ultimo atto di una stagione straordinaria”.

VALENTINO ROSSI, PARLA IL PADRE GRAZIANO: “SE POTESSI PARLARE CON MARQUEZ? NON SAREBBE UNA CONVERSAZIONE ORATORIANA”

Graziano Rossi, padre di Valentino Rossi, intervistato da “Un giorno da pecora” ha commentato la gara di Valencia e il titolo perso dal figlio: “Non è bello vincere in quel modo, meglio perdere come ha perso Valentino, che ha mantenuto un comportamento coerente e meraviglioso per tutta la vicenda. Non a caso ieri a Tavullia c’erano ottomila persone, in un paese che ne ha quattromila di solito: si vede che qualcosa Valentino ha fatto”. Rossi padre ha poi mantenuto il silenzio su cosa avrebbe detto a Marc Marquez: “Non glielo posso dire. E’ un segreto. Non sarebbe una conversazione oratoriana”.

GRAZIANO ROSSI: “MARQUEZ? SE AVESSE PASSATO LORENZO AVREBBE FATTO UNA GRANDE OPERAZIONE”

Graziano Rossi ha poi continuato: “ci vuole una vita per conquistare la dignità ma ci vuole pochissimo per perderla. Se Marquez avesse passato Lorenzo? Avrebbe fatto una grande operazione ma forse non era ciò che era stato deciso a tavolino”. Geppi Cucciari e Giorgio Lauro hanno provato a chiedere a Rossi padre perché Marquez ce l’abbia con Valentino: “Ci sono stati un paio di episodi nei quali lui e Valentino sono arrivati a stretto contatto di gomito e moto. E Marquez li ha persi entrambi. Lui è talmente sicuro di sé, prepotente, che non ha mandato giù questa cosa. E’ un po’ come quando a scuola ti rubano la merenda e il giorno dopo gli vuoi restituire il dispetto”.

GRAZIANO ROSSI: “DOPO LA GARA NON HO SENTITO VALENTINO. HO SPERATO POTESSE FARCELA”

Graziano Rossi ha poi rivelato di non aver sentito Valentino Rossi dopo la gara: “tornerà qui a Tavullia giovedì. E non è vero che Petrucci l’ha fatto passare. Nessuno era disposto a perdere chissà quanto tempo per far passare mio figlio”. Rossi padre ha inoltre sperato che il figlio diventasse campione del Mondo per la decima volta: ” Ho sperato che Pedrosa potesse passarli entrambi, Lorenzo e Pedrosa”. Ma non sarebbe bastato. “Però secondo me a quel punto Marquez avrebbe reagito”. Ultima domanda sul futuro del trentaseienne Valentino Rossi: quando smetterà? “L’anno prossimo -risponde Graziano Rossi- correrà sicuramente, ma non si può correre sempre. A 44 anni, ad esempio, bisognerà pensare ad un altro sport. Per quanti anni lo vedo in pista? Non lo so, è una scelta che si farà anno per anno”.