|

Dieci frasi per capire René Girard

Il lascito culturale di René Girard non si può riassumere in poche frasi, ma per chi volesse un assaggio della sua opera, ecco 10 citazioni scelte tra le sue opere. Frasi e affermazioni  che hanno fatto discutere e influenzato a lungo il dibattito di filosofi, antropologi e studiosi di tutto il mondo.

1. «L’amore, come la violenza, abolisce le differenze». (In Delle cose nascoste sin dalla fondazione del mondo, 1978)

2. È inevitabile che in un dato momento, anche i migliori amici del mondo incrocino sul loro cammino un oggetto che non possono o desiderano dividere.  (In Shakespeare : Il fuoco dell’invidia, 1990)

3. La tendenza mimetica fa del desiderio la copia di un altro desiderio e sfocia necessariamente nella rivalità (La Violenza e il sacro, 1990 )

4. La tendenza a cancelllare il sacro, a eliminalo completamente, prepara il ritorno surrettizio del sacro, sotto una forma non trascendente, ma immanente, sotto la forma di violenza e di conoscenza della violenza. (La Violenza e il sacro, 1990)

5. Questa preoccupazione tanto temuta, questa preoccupazione che è la morte dell’orgoglio e è una preoccupazione salvifica. (In Menzogna romantica e verità romanzesca, 1961)

LEGGI ANCHE: Manlio Sgalambro: è morto il filosofo delle canzoni di Battiato

6. I genitori si stupiscono di aver prodotto dei mostri: vedono nei loro bambini l’antitesi di ciò che sono essi stessi. Non colgono il legame tra l’albero e il frutto. (In Menzogna romantica e verità romanzesca, 1961)

7. Solo il desiderio dell’altro può generare il desiderio. (In Menzogna romantica e verità romanzesca, 1961)

8. I nostri desideri non diventano veramente convincenti fino a che non sono riflessi da quelli degli altri. (In Shakespeare : Il fuoco dell’invidia 1990)

9. Ciascuno si crede solo all’inferno, e quello è l’inferno. (In Menzogna romantica e verità romanzesca, 1961)

10. Se si è troppo sicuri del loro possesso, anche i beni più importanti e più rari perdono il fascino che fu il loro. (In Shakespeare : Il fuoco dell’invidia 1990)