|

Vanna Marchi è libera

Wanna Marchi è libera da vincoli imposti dalla giustizia italiana e medita un ritorno agli schermi, intanto si esercita su YouTube sparando qualche banalità contro l’immigrazione.

Wanna marchi

 

Vanna Marchi ha parlato, dal bar-ristorante della figlia Stefania Nobile dove ha lavorato nell’ultimo periodo, in cui era affidata in prova ai servizi sociali, ha annunciato i suoi programmi all’ANSA e poi al QN, al quale ha annunciato il suo prossimo matrimonio con Francesco Campana. Venerdì mattina il magistrato di Sorveglianza di Bologna ha accolto l’istanza di concessione della liberazione anticipata, avanzata dal difensore della donna, l’avvocato Liborio Cataliotti. Così si sono esaurite per lei si la pena principale che tutte quelle accessorie.

UNA STORIA GIUDIZIARIA COMPLESSA –

Coinvolta in diversi processi e condannata in via definitiva per associazione a delinquere, truffa e bancarotta, grazie all’indulto e al riconoscimento, da parte della Cassazione, della continuazione dei reati, si era vista la pena ridotta a quattro anni e mezzo. Dopo un primo arresto nel 2002, tornò in carcere nel 2009, poi un anno dopo ottenne la semilibertà e torno’ al lavoro. Poi ci fu la sospensione dell’esecuzione chiesta e ottenuta nel 2012 per accudire la figlia Stefania all’epoca malata e anche lei, nel frattempo, divenuta completamente libera, da ottobre 2013. Quindi il periodo di affidamento in prova.

DICE VANNA MARCHI –

Per niente abbattuta dal periodo trascorso prima in carcere e poi a casa sotto sorveglianza, Marchi è anzi battagliera come al solito “Io e mia figlia siamo state le uniche che abbiamo pagato. E abbiamo pagato in modo molto salato. Non voglio però guardare indietro, vorrei parlare del futuro”, dice l’ex “regina delle televendite”, senza sbilanciarsi troppo sui dettagli, “perché non voglio sembrare megalomane. Ma sono piena di progetti”. Già in diversi l’hanno contattata per ‘ospitate’ televisive, ma sembra più che altro volere un programma tutto suo. Vanna Marchi ha così annunciato un programma in tv con la figlia, Stefania Nobile (“tra le 23 e le 24”, ma non ha detto su che canale), nel quale par di capire che voglia sviluppare le prove effettuate con YouTube sul sito «Le Wanne Marchi». Mai pentita, Marchi dice di aver risarcito tutti i danneggiati e di non aver più visto il mago Do Nascimiento da quando è iniziata la sua vicenda giudiziaria «Non credo che lo rivedremo più», una convinzione che per una volta condivide anche con con molti dei suoi accusatori.