aereo precipitato sharm-el-sheikh
|

Egitto, precipita un aereo di linea partito da Sharm el-Sheikh

Sarebbe precipitato 23 minuti dopo il decollo l’aereo di linea partito questa mattina da Sharm el-Sheikh: le autorità egiziane avevano confermato di aver perso il contatto con l’aereo mentre questo sorvolava la zona nord della penisola del Sinai. Si tratta di un Airbus A-321 di MetroJet, una compagnia low cost russa, precedentemente nota con il nome Kolavia e Kogalymavia. Come spiega l’agenzia Tass, è stata recuperata una delle scatole nere, precisando che per ora non c’è notizia di eventuali sopravvissuti. Secondo il ministero dell’Aviazione civile egiziano, a bordo dell’aereo russo c’erano 63 uomini, 138 donne e 17 tra bambini e ragazzini dai due ai 17 anni.

aereo precipitato sharm-el-sheikh

AEREO PRECIPITATO A SHARM EL-SHEIKH –

Secondo quanto aveva riportato Reuters, a bordo del velivolo c’erano 212 persone, tutte di nazionalità russa, in gran parte turisti che erano partiti dalla zona dei resort sul Mar Rosso, nella nota località turistica di Sharm el-Sheikh. Secondo quanto si apprende, l’aereo era diretto a San Pietroburgo: le agenzie egiziane avrebbero confermato che il velivolo sarebbe precipitato poco dopo il decollo. Ancora tutte da chiarire le cause dell’accaduto.

AEREO PRECIPITATO A CAUSA DI UN’AVARIA –

Le versioni sull’accaduto, tuttavia, sarebbero discordanti: secondo alcune fonti l’aereo non sarebbe precipitato, ma avrebbe perso i contatti con le torri di controllo egiziane per poi entrare nello spazio aereo turco. Questa ipotesi, però è stata smentita dalle autorità egiziane: l’esercito ha infatti già individuato i rottami del velivolo, che si sarebbe schiantato in una zona montuosa dell’area del Sinai, probabilmente a causa di un’avaria. I passeggeri a bordo, più 7 persone dell’equipaggio, sarebbero tutti morti: ci sono infatti pochissime speranze di trovare qualche superstite. L’aereo infatti, sarebbe andato completamente distrutto nello schianto.

CALO DRASTICO DELLA VELOCITÀ –

Sono ancora tutte da accertare le cause che avrebbero portato l’aereo a schiantarsi: le autorità hanno parlato di un’avaria, mentre sui siti specializzati compaiono i dati di volo dell’aereo, ci sarebbe stato un crollo drastico della velocità del velivolo subito dopo il decollo.

IL PILOTA AVEVA LANCIATO SOS –

Stando a quanto riferisce il Telegraph, l’aereo sarebbe precipitato in una zona del nord del Sinai, dove l’esercito egiziano è impegnato a combattere i miliziani dell’ISIS. Tuttavia le autorità hanno escluso l’ipotesi dell’attentato terroristico. L’aereo era decollato alle 5.51 locali: intorno alle 7.14 il pilota avrebbe lanciato l’sos, chiedendo di poter effettuare un atterraggio di emergenza prima di sparire dai radar dopo un brusco abbassamento di quota.

(Photocredit copertina: GoogleMaps)