|

Flash mob a Rebibbia per Papa Francesco

Nelle foto di Filippo Monteforte si può apprezzare il flash mob delle detenute di Rebibbia, tutte vestite con la maglietta di Pope is Pop, la canzone dedicata a Francesco nell’anno del Giubileo. Cinquanta detenute si sono esibite ballando nel cortile per inviare un messaggio di ringraziamento a Papa Francesco, che ha spesso dimostrato grande interesse per la condizione dei carcerati. Si tratta del primo flash mob musicale della storia in un carcere italiano.  Un flash-mob per dire al Papa “Ti vogliamo bene”, “Francesco sei pop”, così lo aveva spiegato Igor Nogarotto, ideatore dell’iniziativa: 

“Pope is pop” nasce semplicemente dal fatto che mi abbia affascinato Francesco. Io non sono credente, ma mi sono avvicinato alla Chiesa grazie a lui: grazie al suo carisma, grazie al suo essere un po’ al di fuori degli schemi ma soprattutto per essere proprio … “pop”, popolare. Cioè, la voglia di stare in mezzo alla gente, di stare vicino alle persone che ne hanno bisogno. Quindi è nato questo gioco di parole – “pope is pop” – e da lì, poi, tutto un movimento di persone che ha voluto partecipare a questo messaggio. E tutto questo poteva avvenire, secondo me, solo grazie a questo Papa.

LEGGI ANCHE: Papa Francesco e i preti che non vogliono accogliere i profughi (e fanno finta di non ascoltare le sue parole)