fatti sulla pelle
|

Le 10 cose sulla tua pelle che forse ancora non sapevi

Fatti sulla pelle, ecco 10 curiosità sull’organismo più grande del corpo umano. Pochi lo sanno, ma per esempio 20 mila anni fa gli esseri umani erano prevalentemente tutti neri. Ecco 10 fatti sulla pelle compilati da Bild Zeitung nella giornata dedicata dall’Organizzazione mondiale della sanità alla lotta contro la psoriasi.

  • 1. L’organo più grande. La pelle è l’organo più grande e pesante del corpo umano. La pelle di un adulto misura circa 2 metri quadrati, e pesa fino a 14 chilogrammi. Oltre alle sue dimensioni, la pelle è la parte del corpo umano che probabilmente racconta più di quanto di noi. Grazie alla pelle si possono intuire l’età, la provenienza e altre informazioni relative a una persona.
  • 2. Miliardi di esseri viventi. Sulla pelle esistono miliardi di microorganismi, che vivono in simbiosi con il nostro corpo. Solo intorno all’ombelico ci sono 2400 diversi tipi di batteri. La stima degli scienziati indica in 100 mila miliardi il numero di microorganismi complessivi sulla pelle.
  • 3. Il mantello biologico anti malattie. L’insediamento dei microorganismi che vivono sulla pelle inizia sin dalla nascita. Il nuovo organismo che viene partorito si sottopone a una sorta di bagno batterico quando esce dal corpo della madre. Secondo gli scienziati questo “mantello biologico” influenza in modo rilevante il nostro sistema immunitario, tanto che si nota come i bambini nati col parto cesareo siano più spesso soggetti a sviluppare malattie come le allergie, l’asma o autoimmuni.
  • 4. Il segreto della polvere. Nuove cellule della pelle sono generate in continuazione, così velocemente che ogni 28 anno ogni essere umano ottiene praticamente una nuova pelle. Allo stesso tempo muoiono un numero enorme di cellule della pelle, tra le circa 30 e 50 mila al minuto. In un anno ogni persona perde in media circa quattro chili di pelle. La metà della polvere presente negli appartamenti occupati dalle persone è composta da questa pelle morte, che rimane in circolazione nell’aria in quantità ben più grandi.

LEGGI ANCHE

Come una passeggiata nella natura può migliorare la salute

“I jeans skinny fanno male alla salute”

I rischi per la salute dello smalto per unghie

  • 5. Specchio dell’anima. Diverse malattie della pelle, come la neurodermite o la psoriasi, sono favoriti da disturbi psichici. Le ricerche scientifiche si stanno concentrando su questo legame, e finora è emerso il rilevante ruolo giocato dai semiochimici, i composti come i feromoni che regolano le interazioni tra organismi viventi.
  • 6. Pericolo psoriasi. Una delle cinque malattie non contagiose più gravi indicata nella lista dell’Organizzazione mondiale della sanità OMS è la psoriasi. Accanto a cancro, diabete, disturbi cardiovascolari e malattie alle vie respiratorie c’è infatti la psoriasi, di cui soffrono circa 125 milioni di persone a livello globale.
  • 7. Litri di sudore ogni giorno. Sulla nostra pelle scorrono fino a 10 litri di sudore ogni giorno nei giorni più caldi. Il liquido è secreto dalle ghiandole sudoripare, ed è composto da acqua, urea, immunoglobine, minerali, colesterolo e acidi grassi. Il compito principale del sudore è l’abbassamento della temperatura corporea.
  • 8. Il nostro termometro. La pelle funziona come difesa dal caldo e dal freddo per il corpo umano, un compito svolto grazie a circa 250 mila termorecettori che reagiscono alla temperatura esterna. Questi sensori si trovano nelle cellule nervose della pelle, e sono particolarmente concentrate su orecchia, naso e mento. Per questo motivo il nostro corpo si “congela” più rapidamente in queste parti quando fa freddo.
  • 9. Tutti neri. I primi uomini provengono dall’Africa, ed è presumibile che avessero una carnagione nera. La pelle bianca ha iniziato a comparire solo dopo le migrazioni dell’uomo nel freddo Nord. Il chiarimento dei pigmenti si è verificato tra 20 e 50 mila anni fa. Analisi genetiche evidenziano come fino a 5 mila anni fa gli europei avevano la pelle ben più scura rispetto all’attuale.
  • 10. Poca pelle. Rispetto agli altri animali la pelle degli uomini è particolarmente fine, oscillando tra gli 0,04 millimetri e i 4 millimetri. Ben più spessa è la pelle dei rinoceronti, che arriva a cinque centimetri, anche se il record “mondiale” è detenuto dallo squalo balena, con ben una pelle lunga ben 15 centimetri.

MARTIN BERNETTI/AFP/Getty Images