beatrice lorenzin vaccini
|

Il ministro Lorenzin risponde a Paola Taverna: «Senza vaccini si torna al Medioevo»

«Nel mondo occidentale c’è una decrescita permanente delle vaccinazioni. Ma voglio ribadire che vaccinare i propri figli è importante, non solo per salvare la propria famiglia, ma anche per tutta la comunità. Dobbiamo dire che non si può dare retta a un blog piuttosto che all’Istituto Superiore di Sanità: senza vaccinazioni torneremmo al Medioevo» . Il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, ospite di Corrado Formigli a Piazzapulita su La7, torna sull’argomento vaccinazioni e l’enorme calo del fenomeno in tutto il paese. «Su certe cose non si fa politica ci si basa sull’evidenza scientifica».
Il ministro replica così in studio alla senatrice Paola taverna che ribadisce ancora i suoi dubbi in merito alle vaccinazioni.

LEGGI ANCHE: Il commento sui vaccini di Unicef che vince l’internet a mani basse

BEATRICE LORENZIN CONTRO GLI ANTI-VACCINI (E NON SOLO) – «La tassazione sul gioco d’azzardo, come sul fumo, è una contraddizione presente in tutti gli Stati liberali: fa male ma è permesso. Ad oggi spendiamo circa 50 milioni di euro per curare la ludopatia, ma dobbiamo vigilare sui minori perché è una malattia che crea problemi per tutta la vita», ha precisato il ministro.

(foto ANSA/ALESSANDRO DI MEO)