|

Svezia, giovane mascherato irrompe in una scuola con una spada, tre vittime

Un uomo mascherato ha fatto irruzione con un’arma da taglio in una scuola di Trollhattan, una città industriale di circa 50mila abitanti a nord di Göteborg, nell’ovest della Svezia, ferendo due bambini e uccidendo un piccolo e un insegnante prima di essere ferito a morte a sua volta.

 

 

LA VIOLENZA ALL’IMPROVVISO –

Stando a quanto riferiscono i media locali il bilancio dell’aggressione nella scuola Kronan è di 3 morti e 2 feriti. All’inizio si era parlato di 5 feriti, un adulto e 4 alunni,ma poi uno dei bambini e l’autore dell’attacco sono deceduti in ospedale e ai loro bisogna aggiungere il decesso di un professore. «Posso confermare che uno dei feriti è morto. Non posso rivelare la sua identità», ha dichiarato la portavoce dell’ospedale Lotta Abrahamsson. Nell’istituto c’erano 400 scolari, di età compresa tra i 6 e i 15 anni.

JUST NU: Misstänkte gärningsmannen från #Trollhättan fångad på bild före dådet https://t.co/lad4IspgWb pic.twitter.com/95wQdXHCQe

— Dagens Nyheter (@dagensnyheter) 22 Ottobre 2015

L’AGGRESSORE

Non si sa ancora molto dell’aggressore mascherato: i primi report lo davano per morto dopo una sparatoria, ma la polizia svedese ha chiarito dicendo che l’uomo si trova in ospedale, dopo essere stato ferito. «È stato ferito ed è in gravi condizioni», ha riferito Niklas Claesson, portavoce dell’ospedale. Più tardi ne è stata annunciata la morte in ospedale, come per una delle giovani vittime.  Non è chiaro nemmeno se l’aggressore abbia usato un coltello lungo o una spada, per quanto poco rilevante. Da quello che è trapelato si tratterebbe di un giovane locale che si è presentato nella struttura vestito di nero con un elmetto e una maschera sul viso che lo facevano assomigliare al cattivo di Guerre Stellari. Dopo essersi intrattenuto nella caffetteria dell’edificio e essersi fatto una foto con un paio di studenti, si è diretto verso i locali che ospitano la scuola d’infanzia, dove ha agito.

LEGGI ANCHE:  Svezia, accoltellamento all’Ikea: ci sono due morti

LA FUGA E L’ARRESTO –

Dopo l’aggressione adulti e studenti hanno subito lasciato l’istituto scolastico, dotato anche di una biblioteca e diversi spazi per attività ricreative. «Sul posto c’è molta confusione . Adulti e studenti stanno lasciando l’istituto in maniera frettolosa», aveva fatto sapere in mattinata la polizia in una nota, ma a quel punto il dramma aveva già avuto il suo epilogo per mano di una guardia di sicurezza, che ha aperto il fuoco sul giovane ferendolo gravemente allo stomaco.