|

Ennesimo uomo di colore ucciso dalla polizia Usa. Ed è subito polemica. La rabbia dei familiari

Corey Jones aveva 31 anni e tornava da un concerto, quando gli si è rotta la macchina, poi ha incontrato due poliziotti del Palm Beach Gardens Police Department che lo hanno ucciso.

Corey Jones in un'immagine diffusa dalla famiglia
Corey Jones in un’immagine diffusa dalla famiglia

QUANDO L’AUTO SI ROMPE NEL POSTO SBAGLIATO –

Un gran lavoratore, un uomo tranquillo, suonava la batteria nell’orchestra della chiesa, non aveva un solo precedente, non era ubriaco e sembra che la sua sfortuna sia stata quella di rimanere a piedi di notte nei pressi di Palm Beach Gardens, una comunità quasi esclusivamente bianca di 50.000 persone nei pressi di Palm Beach. A quel punto Jones ha chiamato l’amico Mathew Huntsberger, che con lui suona nei «Future Prezidents» e che con lui si era esibito fino a poco prima. Huntsberger lo ha raggiunto e poi, vista l’inutilità dei tentativi di rimettere in moto l’auto, l’ha lasciato verso le due e mezza di notte ad attendere il soccorso stradale che i due avevano chiamato insieme.

UNA RICOSTRUZIONE INCREDIBILE –

Tre quarti d’ora dopo Jones era morto, secondo il Palm Beach Gardens Police Department due agenti erano intervenuti dopo la segnalazione di un’auto abbandonata e, una volta sul posto, sarebbero stati affrontati da Jones che ha puntato loro una pistola addosso, così lo han freddato. Una versione che non convince molto chi conosceva Jones, e non solo perché Jones non ha mai posseduto un’arma, ma anche perché il rapporto della polizia è estremamente scarno e non riporta dettagli importanti, non il tipo di arma che avrebbe avuto Jones e nemmeno quanti colpi siano stati sparati nell’occasione.

LEGGI ANCHE: Ucciso dalla polizia perché tirava sassi

UNA STORIA CHE NON TORNA AI PARENTI DELLA VITTIMA –

La famiglia, alla quale appartengono diversi religiosi e che è molto devota, per ora è presa dal lutto e dall’organizzazione del funerale, ma promette battaglia per chiedere chiarezza, visto che non si capisce perché Jones avrebbe dovuto aggredire i poliziotti in borghese e da dove salti fuori la sua pistola. Jones è il 780° ucciso dalla polizia americana dall’inizio dell’anno e il suo caso sembra andare ad alimentare la lunga teoria di veri e propri omicidi ai danni d’innocenti che hanno un solo tratto in comune: l’avere la pelle nera.