suburra
|

“Un esponente del clan spada si è fatto le foto con il cast di Suburra”

Gli attori del film Suburra (ispirato alle vicende di Mafia Capitale) sono stati “beffati” da Francesco Spada, uno dei presunti membri dell’omonimo clan di Ostia. Spada è riuscito a farsi fotografare insieme ai due protagonisti della pellicola, Pierfrancesco Favino e Claudio Amendola (che ovviamente non potevano essere a conoscenza di chi chi fosse realmente il fan).

 

suburra

 

Le immagini sono state pubblicate sul blog del senatore Pd ed ex assessore ai Trasporti del Comune di Roma Stefano Esposito in un post dal titolo: «Esponente clan Spada sorride felice accanto all’attore che lo rappresenta nel film Suburra. Succede solo ad Ostia». Scrive Esposito:

Mi preme informare gli attori Amendola e Favino, persone serie e perbene, che tra le tante foto scattate ad Ostia, durante la presentazione del film Suburra, ne hanno una che li ritrae insieme a Francesco Spada, appartenente ad uno dei clan più potenti del litorale. La foto, peraltro, è stata scattata dalla sorella di ‘Romoletto’, Carmine Spada, capoclan dell’omonima famiglia, attualmente in carcere per estorsione con l’aggravante del metodo mafioso.
Da quando ho messo piede a Ostia ho capito che nulla è come appare e solo lì può succedere che un appartenente ad un noto clan malavitoso vada a vedere un film su se stesso, Suburra, facendosi fotografare, felice e sorridente, insieme agli attori protagonisti. Mi dispiace per gli Amendola e Favino che, ovviamente, non potevano sapere chi fosse quel personaggio accanto a loro. Spada, invece, avrà capito che il film parla di loro e dei cugini Casamonica?

 

LEGGI ANCHE: Matteo Orfini promuove Suburra (il film) e boccia Marino. Ma esclude un suo futuro da candidato sindaco di Roma

 

Una risposta degli attori non si è fatta attendere. Favino ha dichiarato. «Non sapevo nulla di questa foto. Ma in occasione delle presentazioni ci sono sempre tante persone intorno ed anche ad Ostia è stato così». E ancora: «Tante persone che non sai chi sono oltretutto c’erano anche molte persone della sicurezza, ma nessuno ci ha avvisati… Io non se sapevo nulla, lo apprendo ora».

TAG: Suburra