auditel
|

Canone Rai, spunta la multa da 500 euro per gli evasori

Chi finora non ha pagato il canone Rai potrebbe presto subire una stangata. Con il superamento del vecchio pagamento con bollettino e l’introduzione della tassa nella bolletta elettrica, infatti, potrebbe essere introdotta una multa di circa 500 euro (circa 5 volte l’importo del canone) per gli evasori.

 

LEGGI ANCHE: Canone Rai in bolletta, chi deve pagarlo e chi invece no

 

MULTA CANONE RAI, STANGATA DA CIRCA 500 EURO –

Sul conto dell’energia il tributo dovrebbe pesare per 17 euro circa ogni due mesi. E sarà più complicato evitare di pagare. Spiega oggi Andrea Bassi sulle pagine di economia del Messaggero:

Invece degli attuali 113 euro euro, se ne pagheranno solo cento, poco meno di 17 euro in più a bimestre sul costo dell’energia elettrica. Sulla bolletta il canone avrà una voce separata. Non pagarlo tuttavia, non sarà semplice. Per farlo sarà necessario compilare un altro bollettino scomputando la voce del canone della Rai. Questo meccanismo dovrebbe scoraggiare l’evasione. Ma a far passare la voglia non pagare il balzello sulla televisione pubblica, in realtà, saranno probabilmente altre norme inserite all’interno della legge di Stabilità approvata ieri dal governo.  A cominciare dalla sanzione amministrativa «pari a cinque volte l’importo del canone». Evadere, insomma, potrebbe costare caro, 500 euro di multa. Con la quasi certezza, questa volta, di essere scovati. Società elettriche, autohirty dell’energia, il Fisco con l’anagrafe tributaria, il ministero dell’interno, metteranno in comune i loro archivi e incroceranno i dati. La maxi sanzione, presente nella bozza della legge di Stabilità, è stata però smentita da Michele Anzaldi, deputato Pd in commissione di vigilanza. Si vedrà.

Le nuove norme prevedono anche sanzioni per le società elettriche che evitano di comunicare chi non paga il canone. Continua Bassi sul Messaggero:

Intanto sarà dato per scontato che chi ha un’utenza elettrica ha in casa anche un televisore. Chi sosterrà di non averlo, dovrà comunicarlo con un’autocertificazione. Falsificare questa dichiarazione sarà un reato penale. Ma attenzione. In caso di morosità sul canone Rai, l’utenza elettrica non verrà disattivata. Toccherà alla società energetica di comunicare il mancato pagamento all’Agenzia delle entrate che poi si occuperà di recuperare la somma. Se il gestore elettrico non farà questa comunicazione, pagherà un’ammenda di 300 euro.

(Foto di copertina: ANSA / CLAUDIO ONORATI)

TAG: canone Rai, Rai