|

Dieci buoni motivi per avere come sindaco di Roma Silvio Berlusconi

L’uomo giusto al momento giusto. Spopola sui social l’evento Facebook “Silvio Berlusconi sindaco di Roma”, pagina creata lo scorso 9 ottobre (giorno successivo a quello in cui Ignazio Marino ha annunciato le proprie dimissioni) e che oggi conta oltre 12mila partecipanti. Una trollata, probabilmente, dove spesso incappano fan di Silvio indignati (veri, sì esistono ancora), nemici di Silvio (veri, sì ci cascano sempre) o semplici utenti che scherzano pensando a una Roma sotto il segno del Biscione. Nei tanti post i partecipanti hanno ipotizzato la loro idea di Campidoglio.

silvio berlusconi sindaco di roma

LEGGI ANCHE: Silvio Berlusconi e la sua nuova barzelletta sul commendator Bestetti (VIDEO)

1 – IL CAMBIO DI STILE: FORMIGONI DESIGNER

Roma come Milano 2-3-4. I quartieri cambieranno nome: Cologno Garbatella, Olgiate romana e Tiburtina  sarà “De sota” e “De süra”. «Il Vittoriale – immagina Danielamaria – sarà illuminato col Biscione e le camicie dei dipendenti comunali saranno disegnate da Formigoni». O anche le divise Atac. Perché no?

silvio berlusconi sindaco di roma
Il cambio di stile: le camicie del personale comunale disegnate da Formigoni

2 – GNOCCA OVUNQUE

Con questa mossa Silvio conquisterà il cuore di tutti i maschietti di Roma. Niente facce brutte agli sportelli di prima mattina. Giovani leve arruolate per il Campidoglio. Freschezza, brio. Anche senza curriculum meritevole. Se prima di lui la meritocrazia non regnava sovrana dopo di lui ci sarà altro: una classe di dipendenti diversamente meritocratica.

silvio berlusconi sindaco di roma

3 – SILVIO NON SI IMBUCA ALLE FESTE: SILVIO FA LE FESTE

Con Silvio al potere non ci sarà nessun imbarazzo. Berlusconi non raggiungerà mai il Papa in cima al mondo (non è nel suo interesse) e sopratutto Silvio i viaggi se li pagherà da solo. Perché può farlo. Roma avrà sempre un motivo per festeggiare qualcosa anche quando non ci sarà nessun motivo per festeggiare. E se le cose andranno male ci resteranno sempre le sue barzellette. Un ritardo del bus? Barzelletta. Blocco della linea A di lunedì mattina? Barzelletta. Meglio, no?

4 – SPAZI VERDI PER TUTTI I DUDU’ DI ROMA (E DENTISTI GRATIS PER I VECCHIETTI CAPITOLINI)

Il Cavaliere, con il suo amore per gli animali, trasformerà i parchi e gli spazi verdi in posti dove trascorrere un felice pomeriggio con i vostri amici a quattro zampe. E vostra nonna potrà godere dell’assistenza dentale gratuita.

silvio berlusconi sindaco di roma

5 NIENTE COMUNISTI

Con Silvio al potere nessun centro sociale avrà scampo. I negozietti non venderanno Peroni a due euro ma mini bottigliette di champagne da degustare in strada. La festa del primo maggio a San Giovanni diventerà la Festa dei club (pronunciati così “Club”). Basta musica alla Goran Bregovic: si canteranno canzoni in francese. Come ama Silvio.

silvio berlusconi sindaco di roma
Post da leggere attentamente. Specialmente se siete l’Italia peggiore

6 NIENTE IMU, AH NO… SCUSATE NIENTE Ta.Ri., E UNA MULTA SALDATA IN OMAGGIO

Se il governo taglierà le tasse Silvio non sarà da meno. La Ta.Ri. sarà da debellare. E in una città ad alto tasso di “pizzardoni” la prima multa dell’anno sarà saldata in omaggio. Si pagherà dalla seconda infrazione in poi.

7 I RISTORANTI SARANNO PIENI: TUTTI

A garantirlo Lui in persona. La parola “crisi” non sarà mai pronunciata. E si riempiranno perfino i cinema. Ogni mercoledì biglietti a 3 euro con film targato Vanzina.

8 CON SILVIO CI SARANNO SOLO “ABBRONZATI”

I poteri forti in mano alla sinistra hanno le ore contate: Procure della Repubblica, Corte Costituzionale, toghe rosse. Finirà la loro era così come a Roma spariranno razzismo e omofobia. Per Silvio le persone saranno solo “abbronzate” e le unioni civili saranno una priorità da supportare.

9 CON SILVIO MIGLIORI RAPPORTI CON RUSSIA E…

Ok, l’inglese di Berlusconi non è proprio il massimo. Ma di certo non le manda a dire a Bruxelles. A suo modo.

silvio berlusconi sindaco di roma

10 CON SILVIO L’AMORE VINCERA’ SEMPRE SULL’ODIO

Sette del mattino, Salaria. Lunghe file d’auto verso il centro della Capitale. Nessun clacson. Perché? Perché con Silvio al potere l’amore vincerà sempre sull’odio. Le persone abbasseranno il finestrino e anziché urlare verso il proprio vicino chiederanno gentilmente la precedenza. Se poi dall’altra parte della carreggiata ci sarà una avvenente ventenne alla guida l’amore sarà ancora più amore contro l’odio. E il traffico scorrerà: con il sorriso.