|

Legge di Stabilità: il provvedimento vale tra 27 e 30 miliardi di euro

Il Consiglio dei Ministri ha fornito anticipazioni alla Legge di Stabilità che verrà varata dal Governo nel 2016. Secondo fonti di Palazzo Chigi le misure d’intervento della manovra, il cui valore è compreso tra 27 e 30 miliardi di euro, possono essere raccolte in quattro diverse aree: Italia forte, Italia Semplice, Italia Giusta, Italia Orgogliosa. Inoltre si prevede la cancellazione totale delle clausole di salvaguardia per il 2016 per 16,8 miliardi di euro.

ANSA / MAURIZIO BRAMBATTI
ANSA / MAURIZIO BRAMBATTI

LEGGE DI STABILITA’, LE QUATTRO AREE D’AZIONE

Le misure di Italia Forte comprendono la cancellazione della tassa sulla prima casa, l’Imu agricola, la tassa sugli imbullonati, super-ammortamenti per gli investimenti delle imprese al 140 per cento, riduzione delle tasse per le imprese, libertà per i comuni di spendere l’avanzo di amministrazione e soldi in cassa per lavori conclusi. Italia Semplice prevede invece l’innalzamento a 3000 euro della soglia del contante, il contrasto all’evasione sul canone Rai, la lotta all’evasione con la fatturazione elettronica e gli strumenti telematici e provvedimenti per le partite Iva con facilitazioni e garanzie per il lavoro autonomo. Italia giusta invece prevede la lotta alla povertà infantile, provvedimenti a favore del servizio civile, garanzie per la disabilità con il progetto “Dopo di noi”, l’innalzamento della no tax area per i pensionati. Infine Italia Orgogliosa comprende fondi per 500 docenti universitari in tutta Italia legati al merito , politiche per archeologi e giovani diplomatici ed un piano straordinario per la ricerca, con 1000 nuovi ricercatori.

 

LEGGI ANCHE: Legge di Stabilità, social card o assegno fino a 400 euro per le famiglie povere

LEGGE DI STABILITA’, TAGLIO ALLE PARTECIPATE. UN MILIARDO DI EURO DESTINATO A GIUBILEO E TERRA DEI FUOCHI

Previsto poi un taglio alle partecipate sulla Pubblica amministrazione, da ottomila a mille, un taglio al numero dei super dirigenti, la riduzione del 10 per cento agli uffici di diretta collaborazione dei ministeri e l’applicazione dei costi standard come regola generale della pubblica amministrazione. Con un atto normativo da presentare nei prossimi giorni, ci saranno investimenti per un ulteriore miliardo, concentrati su alcune priorità come Giubileo, Terra dei Fuochi, Bagnoli, Ilva, il tutto al di fuori della legge di stabilità. (Photocredit copertina ANSA / MAURIZIO BRAMBATTI)