Orfini Marino
|

Orfini risponde a Marino: «Per la legalità il Pd ha lottato prima di lui»

«Io non consento a nessuno, nemmeno a Marino, quello che ha detto: che dopo di lui torneranno i poteri forti e la mafia, perché dopo di lui rimaniamo noi. E le battaglie che lui rivendica sono iniziate in larga parte quando il Pd Roma è stato commissariato. La lotta alla mafia di Ostia inizia non quando Marino si insedia ma quando io mando Esposito a Ostia. Prima nessuno si era accorto di niente, neanche Marino». Il commissario Pd Roma Matteo Orfini risponde così all’ex primo cittadino a Ballarò. «Oggi c’è un Pd diverso che quelle battaglie che Marino rivendica le ha fatte prima e meglio di Marino».

LEGGI ANCHE: Roma, dopo Ignazio Marino arriva il supercommissario

ORFINI “MARINO E DIMISSIONI ERRORE DEL PD”

– «E’ stata sicuramente una sconfitta del Pd, sarebbe sbagliato negarlo», ha ammesso Orfini riferendosi alle dimissioni del sindaco. «Marino di certo non ha tutte le colpe, ma io non gli consento di dire che dopo di lui tornerà la mafia». «Vorrei – ha aggiunto – che arrivassimo alle elezioni con una coalizione come quella con cui ha vinto Marino». Sull’Atac infine Orfini pensa al prossimo filone della procura: «L’ormai ex assessore Esposito ha chiesto all’Anac di fare un’indagine sugli appalti dell’Atac degli ultimi cinque anni e questa settimana porterà un dossier in Procura a Pignatone. A occhio e croce sono pronto a scommettere che questo sarà uno dei nuovi filoni, l’Atac, che si apriranno su Mafia Capitale».

ORFINI “IO SINDACO? IMPOSSIBILE”

– «E’ impossibile che io accetti una cosa del genere, per l’ABC della politica…». Cosi’ il commissario dem di Roma Matteo Orfini ha risposto a Ballarò in merito a una possibile sua candidatura a sindaco di Roma. «Nel momento in cui si ha un potere straordinario come quello di un commissario, che agisce senza organismi dirigenti, senza valutazione democratica del proprio operato, tutto puo’ fare ma non candidare se stesso».

(Photocredit: Giornalettismo)