gerusalemme mattina attacchi
|

Israele, mattina di attentati: morti 3 israeliani

Israele, mattinata di attentati in tutto il Paese: morti tre civili israeliani, ferite decine di persone. Gli attacchi sono stati condotti a Gerusalemme, Haifa e nel quartiere Raanana di Tel Aviv. Nelle ultime ore aumentano inoltre le tensioni nelle zone di confine, tanto che è stata decisa la chiusura del valico di Erez.

GERUSALEMME, ATTENTATO SU UN AUTOBUS, MORTI UN PASSEGGERO ED UN ASSALITORE

Due uomini hanno assaltato un autobus della linea 78, nel quartiere di Armon Hanatziv, armati di un coltello e di una pistola. I due hanno anche cercato di prendere il controllo del mezzo prima che la polizia potesse bloccarli con un’operazione che ha portato alla morte di uno dei due ed al ferimento dell’altro. Nell’assalto è rimasto ucciso un uomo di 60 anni mentre 16 persone sono rimaste ferite, come riportato da Haaretz.

LEGGI ANCHE: Gerusalemme, ancora attacchi 

GERUSALEMME, AUTO CONTRO FOLLA, MORTO UN UOMO, QUATTRO FERITI

Sempre a Gerusalemme, “uno dei due assalitori ha usato la sua automobile per ferire almeno cinque cittadini” in via Malchi Yisrael. L’uomo è poi sceso dalla macchina aggredendo i passeggeri in attesa alla banchina riusciti però a bloccarlo. Nell’attacco è rimasto ucciso un uomo mentre quattro persone sono ferite in modo lieve.

TEL AVIV E HAIFA, COLTELLATE ALLA FOLLA, UNA DONNA IN GRAVI CONDIZIONI

In mattinata sono stati registrati due attacchi a Raanana, quartiere a nord di Tel Aviv. Un uomo ha aggredito alcuni passanti con un coltello prima che venisse bloccato da alcuni passanti. Dopo un’ora e mezza un altro attacco sempre all’arma bianca ha provocato cinque feriti, tra cui una donna in gravi condizioni. Ancora coltelli protagonisti questa volta a Haifa, all’interno dell’Ikea di Kiriat Ata con un uomo che ha aggredito un impiegato palestinese.

HAMAS “BENEDICE” LE AZIONI, ISRAELE CHIUDE IL VALICO DI EREZ

Hamas ha “benedetto” gli attacchi mentre il premier israeliano Benjamin Netanyahu ha riunito il gabinetto di sicurezza. Ventimila arabi israeliani sono scesi in strada a Sakhnin, nel nord, per esprimere la propria solidarietà al popolo palestinese con la polizia che ha già preannunciato un piano di contenimento delle violenze. Il Sindaco di Gerusalemme, Nir Barkat, ha chiesto ai militari di imporre il blocco dei quartieri arabi e dei villaggi circostanti mentre l’esercito ha chiuso il valico di frontiera di Erez.

 

Copertina: Getty Images