Unioni Civili
|

Unioni Civili, Alfano: «no all’adozione dei bambini per i gay»

Unioni civili: Ncd e Angelino Alfano chiudono alla possibilità di adozione per le coppie dello stesso sesso: «Sì al riconoscimento di diritti individuali patrimoniali, anche all’interno di coppie dello stesso sesso, no all’adozione dei bambini». Una posizione netta che certifica il no ad eventuali accordi all’interno della maggioranza.

Unioni Civili
ANSA/ CESARE ABBATE

 

LEGGI ANCHE: Fico (M5S) unioni civili: «Pronti a emendare ddl Cirinnà» – VIDEO

 

UNIONI CIVILI, PER ALFANO NON C’È FRETTA

Il ministro dell’Interno, a proposito del dibattito sulle unioni civili, ha ribadito come per loro non ci sia urgenza di arrivare presto ad una sintesi, annunciato che il presidente di Ncd Renato Schifani domani riunirà il direttivo del gruppo: «inutile negare che sono emerse differenze di merito classiche tra noi e loro. Non siamo d’accordo su tante questioni di merito e sul tema dei tempi. Per noi non è una emergenza nazionale, loro hanno più fretta». Alfano ha chiarito che sul tema delle unioni civili il suo partito «farà una battaglia leale e coerente sui principi».

UNIONI CIVILI, ALFANO: «OGNI BAMBINO DEVE AVERE UN PADRE ED UNA MADRE»

Ncd ha aggiunto che a dividerla dal Pd c’è anche il tema dell’adozione e dell’utero in affitto. Angelino Alfano ha ribadito che «secondo la nostra idea, ci vorrebbe addirittura la sanzione penale». Alfano ha ribadito poi che il suo movimento cercherà di porre fermi e sicuri per la definizione delle unioni civili: «Temiamo che attraverso norme scritte in modo ambiguo si violino alcuni paletti fissati dalla Corte Costituzionale, si faccia una sorta di equiparazione con il matrimonio e ci sia la possibilità di arrivare prima o dopo, anche attraverso l’intervento della magistratura, all’adottabilità dei bambini da parte di coppie dello stesso sesso. Ogni bambino ha diritto ad avere un papà e una mamma». Ed a questo proposito, conclude Alfano: «La Cirinnà 1 non andava bene, la Cirinnà 2 mi pare che vada ancor meno bene, sotto alcuni punti di vista».