giordana di stefano
|

L’sms al padre che ha inchiodato il killer di Giordana

Non aveva nemmeno il cellulare con sé Luca Priolo, killer dell’ex compagna Giordana, arrestato nei giorni scorsi a Milano mentre cercava di raggiungere la Svizzera. Eppure proprio un sms al padre ha permesso ai carabinieri di inchiodarlo. Lo racconta Repubblica

L’SMS AL PADRE DI LUCA PRIOLO

Ecco cosa racconta il quotidiano

La sua è stata una cattura da film, insieme un colpo di fortuna e uno straordinario tempismo degli investigatori del nucleo operativo di Catania guidati dal colonnello Michele Piras e dei colleghi di Milano. A mettere gli investigatori sulle sue tracce, nonostante avesse di proposito lasciato il suo cellulare a casa, è stato lo stesso Luca che alle 15.30 di mercoledi pomeriggio, mentre lo cercavano ovunque, ha chiesto a un passante incontrato alla stazione di Milano ( dove era appena giunto con un treno da Messina) di potere inviare un sms al padre che, in quel momento, era interrogato dai carabinieri di Nicolosi. «Sono nei guai, ho fatto una cosa grave, non mi lasciate solo, ho bisogno di soldi, mi farò risentire». In tempo reale, i carabinieri hanno convinto il padre a richiamare quel numero al quale ha risposto l’uomo del cellulare. Che ha rivelato agli investigatori che si trovavano alla Stazione di Milano. In 5 minuti, con la foto di Luca inviata via Whatsapp, i carabinieri di via Moscova hanno individuato il ragazzo mentre stava per salire sul treno per Lugano e lo hanno chiamato.

E sulla confessione di lui

Giura che Giordana non voleva ucciderla, solo spaventarla. «Non ho mai fatto male a nessuno, io l’amavo. L’altra sera volevo solo parlarle prima dell’udienza, ma poi abbiamo litigato, lei mi ha detto che non avrebbe più ritirato la denuncia e io sono uscito di testa e ho cominciato a colpirla». Giura che questa è la verità Luca Priolo, il giovane di 24 anni fermato mercoledi pomeriggio alla stazione di Milano dai carabinieri mentre stava per prendere un treno per la Svizzera, ma non spiega perché mai la sera prima, quando era uscito da casa per cercare Giordana, si è portato dietro il coltello con il quale poi l’ha massacrata.