sciopero Aeroporti
|

Aeroporti, sciopero di 4 ore giovedì 8 ottobre

Ci sarà uno sciopero negli aeroporti italiani giovedì 8 ottobre.

Si asterranno dal lavoro gli addetti delle aziende di handling di tutte le sigle sindacali per quattro ore, dalle 13 alle 17, in tutti gli aeroporti italiani. La protesta è stata proclamata in maniera unitaria da Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti e Ugl Trasporti.

sciopero Aeroporti
ANSA / MATTEO BAZZI

AEROPORTI, SCIOPERO GIOVEDÌ 8 OTTOBRE, PROCLAMATO DA TUTTE LE SIGLE –

Le quattro sigle sindacali hanno comunicato di aver deciso l’agitazione in risposta alla mancata volontà, secondo loro da parte «delle aziende di handling di rinnovare, all’interno del contratto collettivo nazionale del trasporto aereo, il contratto di lavoro, scaduto da quasi quattro anni, il 31 dicembre 2011 e pertanto le aziende sono le uniche responsabili dei disagi che ricadranno sui passeggeri».

 

LEGGI ANCHE: Sciopero 2 ottobre 2015, mezzi fermi. La rabbia dei romani: «Sempre di venerdì»

 

AEROPORTI, SCIOPERO GIOVEDÌ 8 OTTOBRE, I RISCHI PER I PASSEGGERI –

Per servizi di handling s’intendono le operazioni di carico e scarico bagagli, il trasporto di passeggeri dall’aerostazione al velivolo e viceversa, il check-in. I sindacati hanno specificato che la dichiarazione di sciopero risale allo scorso agosto e che questo è il primo sciopero dell’handling, operato oltretutto in tutta la vertenza del contratto. Le sigle sindacali hanno poi aggiunto: «Dopo la sottoscrizione della sezione Fairo del 30 settembre scorso, l’handling è l’unica delle sei sezioni che manca alla realizzazione del contratto nazionale di settore».

AEROPORTI, SCIOPERO GIOVEDÌ 8 OTTOBRE, L’APPELLO DEI SINDACATI –

Per le quattro organizzazioni sindacali di categoria «le imprese devono accettare che dopo 4 anni è passato il tempo dei rinvii e delle proposte che portano solo alla rottura. Senza il contratto nazionale e senza la sottoscrizione della sezione dell’handling continueranno ad aumentare le imprese pirata che decidono di applicare contratti che nulla hanno a che vedere con il settore e che quindi non riconoscono alcuna clausola sociale»