non leggerlo retweet grillo
|

La corazzata grillina e il fango contro Non leggerlo per quel retweet di Grillo

Attenzione. Questo post contiene vari livelli di tweet come Inception. Ma la realtà, stavolta, supera la finzione cinematografica, specialmente se fai parte della corazzata grillina dei social. Roba da far paura ai famigerati “spartani” del Pd. Non Leggerlo, famoso blogger per L’Espresso, è attaccato sui social per via di un suo screenshot, diffuso ieri sera, in cui denunciava il retweet di Beppe Grillo a una frase omofoba contro il leader di Sel Nichi Vendola. Immagine poi ripresa da vari media.

L’increscioso retweet del leader del Movimento 5 stelle Beppe Grillo è stato notato e ripreso da diversi utenti e – come si dice in gergo internettiano – “screenshotato”, ovvero fotografato. Ma come si è arrivati fino a questo?

LA PENSIONE DI VENDOLA

Tutto è cominciato ieri, quando il Movimento, usando l’hashtag #BabyVendola, denunciava la giovane pensione del leader pugliese. In particolare, Beppe Grillo rilanciava tutti i tweet di protesta della rete, forse senza troppa attenzione. Fino a quando, appunto, non ha rilanciato questo:

tweet grillo non leggerlo

 

scatendando, ovviamente, una marea di polemiche.

LEGGI ANCHE: Beppe Grillo e il retweet omofobo su Nichi Vendola, che replica piccato

RETWEET DI BEPPE GRILLO: COME FAR CREDERE CHE NON ERA GRILLO… – Ora veniamo al punto. Come sollevare dubbi su una immagine screenshottata da mezza Italia? Il retweet di Grillo – dopo che su Twitter si iniziava a commentare la cosa – è stato annullato in breve tempo. Ma c’è chi dice no: non è vero nulla. E grida al complotto, inventando – letteralmente – gli elementi per provare di aver ragione, e che Beppe Grillo sarebbe vittima di un falso. Secondo Mastro_Tuitta (molto appassionato di Ostia e poco appassionato ai giornalisti antimafia) Non Leggerlo avrebbe postato un retweet fake. E non solo: Mastro_Tuitta ha poi allegato una foto ai suoi cinguettii: secondo l’immagine, un altro screenshot ma falso, il blogger Non Leggerlo si sarebbe addirittura scusato. Salvo poi, non si capisce perché, cancellare le scuse. Avremmo voluto saperne di più ma purtroppo l’account di Mastro_Tuitta non è più raggiungibile. Disdetta.

non leggerlo grillo retweet

Ma non basta: il problema è che la “trollata” (cioé il falso screenshot delle scuse di Non Leggerlo rilanciata da Matro_tuitta) è diventata virale. Ribadiamolo: Non leggerlo non ha mai chiesto scusa per lo screenshot in cui si accusava Beppe Grillo di aver rilanciato una battuta omofoba. Nonostante la sua smentita, però, le sue scuse fasulle hanno fatto il giro della meta-rete grillina. E c’è chi ormai crede a questa versione dei fatti. E attacca il blogger: sia per una versione creduta falsa che per la sua giusta preoccupazione davanti alla creazione di questi tweet falsi. Ci credono in molti. Perfino personalità vicine ad alcuni parlamentari grillini (ex assistenti).

A nulla insomma è valso lo screen dal cellulare di Non leggerlo. Niente, non lo accettano.

Su twitter diversi utenti sostengono il blogger sotto l’hashtag #Jesuisnonleggerlo.

Lasciamoli così. A continuare a sognare. No?