legalizzazione cannabis
|

Legalizzazione cannabis, il ddl arriverà in aula alla Camera

La legalizzazione della cannabis potrebbe varcare il portone di Montecitorio ed entrare in aula. Il ddl, al quale ha lavorato un intergruppo di 220 parlamentari, è stato promosso dal viceministro Benedetto Della Vedova. Ne parla oggi La Stampa in un articolo a firma di Ilario Lombardo:

Il ddl è frutto di un’opera di cesellatura di diversi testi, che portano la firma di Pippo Civati, ex Pd, Roberto Giachetti, renziano dem e altro storico reduce radicale, di Vittorio Ferraresi, M5S, e di Sel. La liberalizzazione prevede fino a 15 grammi di cannabis per uso ricreativo, ma solo per i maggiorenni e all’interno della propria abitazione, dove sarà anche possibile coltivare fino a 5 piante di marijuana. Fuori casa il tetto al possesso personale scende a 5 grammi. Mentre sarà assolutamente vietata la detenzione per i minorenni e lo spaccio, anche il più piccolo. Dalla Spagna arriva invece la formula della coltivazione collettiva, attraverso cannabis club dove potranno associarsi, sempre senza alcun fine di lucro, fino a 50 persone.

Ovviamente la strada verso l’approvazione è in salita, visto che i centristi della maggioranza hanno già detto di gradire poco la calendarizzazione. Ma c’è freddezza anche in ambianti governativi, proprio per il rischio di compromettere gli equilibri della maggioranza. È cauto anche della Vedova: «Non vogliamo correre ma arrivare». La fiducia dei promotori si basa anche sul forte ricambio generazionale in Parlamento e delle voci autorevoli che vedono ora con favore la legalizzazione e la depenalizzazione. Tra loro anche il presidente dell’Autorità Anticorruzione Raffaele Cantone, che qualche settimana fa, intervenendo alla Festa dei Giovani Democratici di Napoli sull’emergenza criminalità nella città partenopea ha dichiarato:

«Un meccanismo di legalizzazione intelligente o controllata non sarebbe una follia assoluta. Se la legalizzazione significa anche controllo e viene fatta in modo intelligente forse non è una bestemmia».

(Foto da archivio Ansa)

TAG: Cannabis