|

Perchè Curiosity non può cercare l’acqua su Marte

La NASA si è avvalsa della sonda Mars Reconnaissance Orbiter (MRO) per trovare l’acqua su Marte, ma non può impiegare il rover Curiosity perché è vietato dall’Outer Space Treaty del 1967.

 (Photo by NASA via Getty Images)
(Photo by NASA via Getty Images)

 

PERCHÉ CURIOSITY NON PUÒ CERCARE L’ACQUA –

La NASA ha annunciato la scoperta di acqua in forma liquida sulla superficie di Marte, ma una conferma diretta e sicura si potrà avere solo da una verifica in situ e da distanza ravvicinata. Una missione che parrebbe fatta apposta per il rover Curiosity, che si trova ad appena 50 km dal luogo dove è stata individuata l’acqua, ma anche una missione vietata alla sonda dall’Outer Space Treaty del 1967, che vieta d’inviare missioni umane o robotiche nei pressi delle fonti d’acqua, per il timore di contaminarle.

COME DISINFETTARE CURIOSITY –

Come ha spiegato Malcom Walter, un astrobiologo, il rover è in qualche modo disinfettato da un bagno di ultravioletti, una misura adeguata a un percorso nel quale non ci si attende d’incontrare acqua, ma solo una più violenta esposizione a calore o a radiazioni ionizzanti potrebbe fornire la certezza della sterilizzazione, al prezzo però di friggere i componenti elettronici del rover.

LEGGI ANCHE: Curiosity ha trovato un altro ingrediente per la vita su Marte

SERVE UN’ALTRA MISSIONE –

Occorrerà quindi attendere una prossima missione per tentare questo genere di verifica ravvicinata, sonde sterili potrebbero essere usate da equipaggi umani inviati sul pianeta, oppure si potrebbero inviare sonde che costruiscono altre sonde sul luogo o sonde sterili sigillate in involucri destinati ad aprirsi solo una volta sul pianeta rosso.