|

Harry Potter e il bambino maledetto: le 7 teorie sul nuovo capitolo della saga

Harry Potter e il bambino maledetto: dopo aver giocato con l’idea di rilasciare un nuovo capitolo della storia di Harry Potter, J.K. Rowling ha finalmente dato ai fan la notizia in cui tutti stavano sperando sin dal momento in cui il capitolo finale dell’ultimo libro aveva decretato la fine decisiva di tutto. I suoi personaggi torneranno, in qualche modo, anche se non sullo schermo, per una nuova rappresentazione teatrale che avrà vita nel 2016, scritta dall’adattatore di “Let The Right One In”, Jack Thorne. La grande domanda, a questo punto, è chi sia il “bambino maledetto” che dà il titolo all’opera. Sin da quando apparvero le prime notizie dello spettacolo, nel dicembre 2013, l’opinione più diffusa è sempre stata quella che vorrebbe questa nuova opera un semplice racconto dei primi anni di vita di Harry da una prospettiva diversa:

Com’era essere il bambino nell’armadio sotto le scale? Questa nuova sceneggiatura, che sarà messa in scena nel teatro britannico, esplorerà il passato ancora mai raccontato di Harry, quando era solo un orfano emarginato. Insieme a molti dei nostri personaggi preferiti dei libri di Harry Potter, questo nuovo lavoro offrirà uno squarcio unico nel cuore e nella mente del leggendario maghetto. Un ragazzo apparentemente ordinario, ma per il quale il Destino ha dei piani precisi…

Da allora, tuttavia, l’autrice è diventata restia dal dare nuovi indizi e soprattutto nel confermare che fosse un “prequel” (come pensavano molti fan), e sono ora comparsi diversi indizi di un cambio dei progetti. Di certo, poi, c’è un piccolo problema con il titolo. Come potrebbe essere Harry il bambino maledetto se è già nel titolo? Non diventerebbe qualcosa tipo “Harry Potter e Sé Stesso”? Non importa come scegliate di leggerlo, ci sono domande (e diverse teorie) che meritano di avere una risposta prima che il sipario si apra, l’anno prossimo.

Scoprile tutte: 

(Photocredit copertina: YouTube)

(Scritto da Beatrice Mazzoleni)