Dieci strane storie su Kim Jong Il

Dal suo allevamento di conigli giganti alla paura di volare, il “Caro Leader” era considerato un po’… eccentrico Il leader...

Dal suo allevamento di conigli giganti alla paura di volare, il “Caro Leader” era considerato un po’… eccentrico

Il leader nordcoreano Kim Jong-il è morto lo scorso sabato durante un viaggio in treno, alle ore 8.30 del mattino, sfiancato dalla “stanchezza fisica”. La sua dipartita ha gettato la Corea del Nord nella disperazione, mentre nel resto del mondo ha suscitato qualche curiosità sul “Caro Leader”. Il GlobalPost elenca dieci stranezze che lo caratterizzavano.

LA NASCITA DIVINA - La leggenda narra che un doppio arcobaleno e una nuova stella luminosa apparvero in cielo per annunciare la nascita di Kim Jong Il, nel 1942, sul monte Baekdu, caro alla Corea del Nord Baekdu. Alcuni documenti sovietici, tuttavia, indicano che il leader era nato nel villaggio siberiano di Vyatskoye, nel 1941. Il popolo della Corea del Nord, composto da molti poveri che combattono con la fame, è stato apparentemente convinto che il compleanno di Kim venga celebrato in tutto il mondo.

PAURA DI VOLARE - Forse uno dei motivi per i quali il leader nord-coreano era così chiuso e solitario è da attribuire alla paura di volare, ereditata da suo padre Kim Il Sung. Kim ha raramente viaggiato all’estero e, nel caso, si è sempre servito del treno – una volta ha preso un vagone di lusso fino a Mosca. Nel mese di agosto Kim ha visitato la Russia per colloqui con il presidente Dmitry Medvedev, nel tentativo di ottenere il sostegno per un trasferimento del potere al suo terzo figlio Kim Jong Un. Kim preferiva decisamente i viaggi su rotaia ed è morto proprio in treno, nella regione di Pyongyang.

I CONIGLI GIGANTI - I media tedeschi raccontavano nel 2007 che Kim sperava di risolvere la fame nel suo paese con l’allevamento conigli giganti. Un contadino tedesco che aveva allevato conigli delle dimensioni dei cani era stato richiesto in Corea del Nord perché contribuisse alla creazione di una grande azienda agricola con conigli enormi, che avrebbero ovviato alle carenze alimentari. Il contadino mandò un lotto di 12 conigli giganti in Corea del Nord, ma rimase scioccato nell’apprendere che erano mangiati al banchetto per il compleanno di Kim quell’anno.

ASINO ARROSTO - Mentre Kim era impegnato nel famoso viaggio in treno verso Mosca nel 2001, un inviato russo che viaggiava con lui ha raccontato che il treno veniva rifornito ogni giorno con asino arrosto e aragoste fresche. Kim inoltre mangiava il cibo con le bacchette d’argento, sorseggiando vino francese e Champagne. A quanto pare Kim era anche uno dei più grandi acquirenti al mondo di cognac Hennessey.

GRANDI OBIETTIVI - Documenti ufficiali dimostrerebbero che Kim ha imparato a camminare all’età di tre settimane ed era in grado di parlare già a otto settimane. Mentre frequentava la Kim Il Sung University, pare abbia scritto 1.500 libri in tre anni, insieme alla composizione di sei opere complete. Secondo la sua biografia ufficiale, tutte le sue opere sono “migliori di qualsiasi altra opera nella storia della musica”. Il Leader non era privo di abilità sportiva: nel 1994 i media di Pyongyang hanno riferito che la prima volta che Kim ha preso in mano una mazza da golf, ha fatto un giro completo di 38 colpi sotto il par nell’unico campo da golf della Corea del Nord, includendo 11 buche fatte ciascuna con un solo colpo.. Pare che ognuna delle sue 17 guardie del corpo abbia verificato il record. Dopo quest’impresa, Kim ha deciso di ritirarsi dallo sport per sempre.

LA CITTA’ DELLA PROPAGANDA - Nel 1950 Kim ha costruito un’intera città chiamata Kijong-Dong, nota anche in Corea del Nord come il “Villaggio della Pace”, che è stata progettata solo per la propaganda. Si trova a metà del nord della Zona demilitarizzata coreana e ad oggi non ha residenti. I media occidentali, in particolare in Corea del Sud, si riferiscono ad essa come “Village Propaganda”.

ICONA FASHION - Con i suoi 1.57 centimetri d’altezza, Kim era una figura curiosa anche a causa della sua pettinatura cotonata, delle scarpe col rialzo e per la raccolta di tute, per non dimenticare quella di occhiali da sole. Il Rodong Sinmun, un giornale del partito comunista, raccontava che lo stile di Kim Jong Il era diventato un fenomeno di moda globale, tanto da essere adottato anche dal figlio e successore Kim Jong Un. Tutt’oggi viene imitato da innumerevoli giovani per le strade di Pyongyang.

PASSIONE PER I FILM - Pare che il Caro Leader fosse anche un collezionista appassionato di cinematografia, tanto da aver accumulato più di 20mila tra videocassette e DVD. Tra i suoi film preferiti pare vi fossero Venerdì 13, Rambo, Godzilla, i film d’azione ambientati ad Hong Kong e tutte le pellicole interpretate da Elizabeth Taylor. Nel 1978 ordinò il rapimento del regista sudcoreano Shin Sang-ok e sua moglie, l’attrice Choi Eun-hee, in modo da poter costruire un’industria cinematografica nord coreana. Un decennio più tardi, sembra che i due siano fuggiti durante un viaggio in Austria; da allora hanno rifugio negli Stati Uniti.

KILLER DI BAMBINI? - Quando Kim aveva cinque o sei anni, suo fratello più giovane Shura Kim è annegato nella piscina di famiglia. Rapporti sovietici non confermati sostengono che il responsabile dell’incidente fosse Kim. La madre morì di parto l’anno successivo.

KIM NON DEFECAVA - La biografia ufficiale sul sito web dello stato della Corea del Nord riferiva che il Caro Leader Kim non defecava. Nessun altro commento a riguardo.