|

Nick Banana, Gli anni segreti: fra scie chimiche e vaccini, la storia d’Italia che ci meritiamo

Bieliebers, animalisti, MoVimento 5 stelle e rettiliani. Se leggendo questa lista non avete sorriso non conoscete l’epica storia di Nick Banana, e potete rimediare qui e a seguire. Troverete anche un cameo di qualche autore del vostro sito preferito a cui scrivere sticazzi nei commenti da leggere.

nick banana

La “mia” storia con Nick Banana è decisamente lunga. Non ricordo nemmeno dove ho trovato la prima volta un link a BagniProeliator con la prima puntata dell’ottimo racconto di Nicolò Zuliani (in arte Nebo), so solo che per mia fortuna l’aveva già conclusa e quindi ho potuto leggerla tutta d’un fiato. Ed è così che ho fatto.

Nick Banana è l’eroe dei giorni nostri, il cinismo che si fa battaglia, l’unico condottiero in grado di fermare una macchina ormai lanciata a 180 all’ora, perché lui l’ha creata. “Gli anni segreti”, spin-off della serie (ferma alla seconda “stagione”), è la naturale continuazione delle avventure di Banana e non solo le sue.nick banana

Così, grazie al successo incredibile della storia sul blog, Nick Banana si è fatto fumetto. Edito da Star Comics, già disponibile nelle fumetterie e dal 3 giugno anche in edicola (della serie: non avete scuse), Gli anni segreti non è solo un’ottima lettura per chi è in cerca di un prodotto made in Italy al 100% (oltre a Zuliani, gli altri autori sono Michele Monteleone, Daniele “Kota” Di Nicuolo e Lorenzo “LRNZ” Ceccotti), ma è anche un buon allenamento per la mente, per tenerla aperta aldilà di quel tifo cieco che oggi caratterizza l’appartenenza politica, un modo per rileggere il presente in chiave ironica e dissacrante, ma non per questo meno vera (basti pensare al monologo finale della prima storia che vede Nick come protagonista, quasi chirurgico nella sua precisione, chirurgico e drammatico)

Il viaggio che il nostro eroe (molto) post-moderno compie dentro i meccanismi della politica è un viaggio che mostra i nostri difetti prima di quelli di “chi ci governa”. E’ un potente specchio che restituisce l’immagine di un paese che puzza dappertutto, non solo dalla testa, in cui non è importante quello che dici, ma come lo urli o la pentola con cui lo vendi.

In un mondo fin troppo verosimile, la battaglia fra Renzi e Grillo si fa show e massacro, porta fino al limite ultimo il concetto di infotainment, ci mostra un futuro poco avveniristico e molto reale, sino all’ultima tavola.

nick banana

Spesso erroneamente si fa coincidere la satira con la comicità: in questa fatica di Zuliani scopriamo la differenza abissale fra le due cose, la scopriamo nell’atto finale, nello straniamento che lascia al lettore, straniamento “familiare” dal retrogusto amaro.

Gli anni segreti è la storia d’Italia che ci meritiamo.
Ma anche quella che possiamo ancora cambiare.

Perché in Nick Banana we trust.
Per fortuna, purtroppo.