|

Giubileo 2015, arriva la card del pellegrino

Giubileo 2015, in Campidoglio è allo studio la Card del Pellegrino: un buono unico che consenta ai visitatori dell’Anno Santo della Misericordia di prendere liberamente mezzi pubblici, eventi culturali e altri servizi – fra cui i bagni pubblici che saranno presto installati, secondo i piani del comune, in tutto il territorio della città. A gestire la pratica, l’assessore alla Cultura di Roma Capitale Giovanna Marinelli.

GIUBILEO 2015, LA CARTA DEL PELLEGRINO

Saranno inclusi nel carnet acquistabile dai pellegrini dell’Anno Santo tutti i musei: i Capitolini, l’Ara Pacis, il Mercato di Traiano con il Museo dei Fori Imperiali, il Planetario e il Museo Astronomico, il Napoleonico, il polo di Scultura Antica, il museo delle Mura, per non parlare dei Musei Vaticani e del Teatro dell’Opera, sia quelli invernali al Costanzi, che quelli estivi alle Terme di Caracalla. Con il carnet i pellegrini potranno salire sui mezzi pubblici: autobus, tram, metropolitana su tutte le linee, rete ferroviaria regionale. Il pacchetto “tutto compreso”, scrive il Messaggero nella Cronaca di Roma, “costerà di meno rispetto ai canoni offerti oggi dai ticket Atac”. Saranno attivate anche delle linee di superficie speciali, dette BRT – Bus Rapid Transit – ovvero nuove linee espresse “con poche fermate strategiche per servire la clientela negli itinerari giubilari”.

LEGGI ANCHE: Giubileo 2015, riaprirà l’Ostello della Gioventù

GIUBILEO 2015, ARRIVANO I BAGNI PUBBLICI

 

Una sperimentazione già rodata in occasione della canonizzazione dei due Papi del 27 aprile scorso; intanto, uno dei principali dossier, dei problemi più scottanti per l’accoglienza dei pellegrini, è però quello dei bagni pubblici.

Durante la canonizzazione dei due Papi dell’anno scorso in città furono installati mille bagni chimici, Per l’Anno santo straordinario l’idea del Campidoglio è quella di offrire bagni fissi, non mobili, da usare sempre. Al progetto è al lavoro l’assessore ai Lavori Pubblici, Maurizio Pucci, che pensa di costruire almeno 40 presidi fissi dentro le Mura Aureliane, una parte significativa dei quali sarà concentrata nell’area intorno a San Pietro.

I bagni, realisticamente, non saranno gratuiti ma a pagamento: con la carta del pellegrino sarà possibile usufruire di sconti per l’utilizzo.