BookPride, la fiera dell'editoria indipendente sbarca a Milano
|

BookPride, la fiera dell’editoria indipendente sbarca a Milano

A Milano arriva BookPride, la prima edizione della fiera nazionale dell’editoria indipendente, in programma ai Frigoriferi Milanesi di via Piranesi dal 27 al 29 marzo. 124 editori, tra i quali Lindau, Marcos y Marcos, Minimum Fax, Fandango, Fazi e Sellerio proporranno il primo grande evento di promozione della cultura non omologata, reso possibile grazie ad un sistema di autofinanziamento degli stessi editori che vi partecipano. L‘ingresso sarà gratuito.

BookPride, la fiera dell'editoria indipendente sbarca a Milano

MANCHERANNO PER SCELTA I CINQUE GRANDI GRUPPI EDITORIALI ITALIANI –

Cio’ significa che in questa manifestazione non trovano spazio né i cinque maggiori gruppi editoriali italiani né i marchi la cui principale attività editoriale consiste nella produzione a pagamento di libri. In questo senso la Fiera si ripromette di esaltare la “differenza”in risposta all’appiattimento del mercato editoriale ed alla standardizzazione dell’offerta, rivendicando il ruolo dell’editoria indipendente intesa come garanzia e riserva della varietà e della bibliodiversità.

 

LEGGI ANCHE: Mondadori vuole comprare Rcs Libri

 

BOOKPRIDE, LA PROPOSTA DI LEGGE PER TUTELARE LA BIBLIODIVERSITÀ –

BookPride sarà anche il luogo in cui verrà presentata una proposta di legge elaborata dagli editori indipendenti per tutelare la bibliodiversità, minacciata dalla sempre maggiore concentrazione del mercato nelle mani di pochi grandi attori e da proposte di liberalizzazione selvaggia degli sconti in libreria. In parallelo alla programmazione principale della fiera una serie di atelier professionali dedicati a chi lavora nella filiera del libro ma anche a studenti e semplici appassionati, affronterà diversi aspetti del lavoro culturale, dal giornalismo alla traduzione, dalla gestione di una libreria indipendente all’organizzazione di un premio letterario non omologato.

BOOKPRIDE, GLI OSPITI E GLI EVENTI –

Nei tre giorni di BookPride si commenteranno il venerdì le opere di Nanni Balestrini con la parecipazione di Achille Bonito Oliva e Manuela Gandini. I fumettisti Laura Scarpa, Filippo Scozzari e Claudio Calìa parleranno con i critici Paolo Interdonato e Boris Battaglia insieme all’editore Francesco Coniglio del potere della satira a fumetti. Sabato toccherà agli antropologi Marc Augé e Marco Aime, insieme al geografo Franco Farinelli, di commentare gli sguardi degli altri sull’Occidente mentre domenica Wu Ming 1, Giuseppe Genna, Maria Pace Ottieri e Luciana Castellina analizzeranno le potenzialità della differenza di genere e degli ibridi letterari.

L’ODEI: «UNA MANIFESTAZIONE CHE RAPPRESENTA L’ORGOGLIO DI ESSERE INDIPENDENTI» –

BookPride è organizzata, tra gli altri, dall’Odei, Osservatorio degli editori indipendenti. Il Presidente, Gino Iacobelli, ha spiegato che la manifestazione rappresenta «l’orgoglio di essere editori indipendenti. Negli ultimi anni la tendenza monopolistica del mercato editoriale ha ridotto le possibilità di lavoro per le voci dell’universo libro. BookPride è un’occasione per parlarne tra di noi ma sopratutto per parlarne con i lettori, per condividere con loro una comune passione chiamata libro»