Le cose da evitare per non aver disturbi al sonno
|

Disturbi del sonno: le otto cose da evitare ad ogni costo

I disturbi del sonno

sono particolarmente fastidiosi per tutti noi. Dormire poco e/o male significa rovinarsi la giornata successiva, accumulando stanchezza non necessaria. Alcuni nostri comportamenti favoriscono però i disturbi al sonno. Ecco una lista di otto cose da non fare per dormire con maggior tranquillità.
1. Disturbi del sonno: leggere sullo smartphone o sul tablet. Uno degli oggetti della nostra quotidianità che più provoca disturbi al sonno è il tablet. Prima di andare a letto tante persone controllano l’ultimo messaggio su Facebook o su Whatsapp. Prima di infilarci nelle lenzuola appoggiamo lo smartphone o il tablet accanto al letto, e la luce dei dispositivi elettronici è una delle cause che provocano i maggiori disturbi al sonno. Gli esperti consigliano di tenersi lontani da tablet e smartphone prima di dormire.

2. Disturbi del sonno: mangiare junk food. Bisogna evitare di mangiare pasti particolarmente carichi di contenuto calorico a poche ore dal sonno. Per questo bisogna evitare un’alimentazione basata su pizza o junk food, che il nostro corpo digerisce in diverse ore. Per questo motivo gli esperti consigliano di mangiare entro le due ore prima di andare a letto, per non creare eccessivi disturbi al sonno dalla digestione.
3. Disturbi del sonno: bere il caffè. Bere caffè non fa affatto male alla salute, anche se la quantità delle tazzine deve essere moderate. Bere fino a tre caffè al giorno provoca effetti positivi sul nostro corpo. Chi però consuma questa bevanda sei ore prima di andare a dormire può subire disturbi al sonno. La caffeina rimanda infatti l’assopimento del nostro corpo che precede il sonno. Evitare il caffè nelle ore serali è assolutamente consigliabile, soprattutto a chi ne subisce gli effetti.

4. Disturbi del sonno: birra e vino notturni. Ubriacarsi provoca sonnolenza, ma bere quantità anche modeste di alcol può causare disturbi al sonno. A differenza del caffè bersi una birra può favorire il sonno, ma rende più difficile che esso sia prolungato. Per questo chi vuole riposare con tranquillità dovrebbe evitare l’alcol.

LEGGI ANCHE

Di quante ore di sonno hai veramente bisogno?

Dormire troppo aumenta il rischio di morte

5. Disturbi del sonno: litigare. Le discussioni franche e sincere aiutano la coppia, ma è preferibile evitarle prima di andare a letto. Uno studio dell’Università dello Utah ha rilevato come dopo una lite si subiscano maggiori disturbi al sonno. Molto meglio bisticciare con il proprio partner a colazione, dopo una bella dormita rinfrescante.

6. Disturbi del sonno: Fare sport in maniera pesante.Lo sport alla sera non provoca disturbi al sonno, ma è problematico svolgere carichi di fatica eccessivi. Dopo una mezza maratona conclusa a poche ore dal letto è difficile acquisire la necessaria calma per il riposo, visto lo stress accumulatosi nel nostro corpo. Chi è troppo stanco si addormenta con fatica. Una passeggiata oppure un po’ di esercizi possono aiutare a riconciliarci con il sonno.

7. Disturbi del sonno: controllare le mail di lavoro. Chi controlla a sera tarda la casella di posta elettronica del proprio lavoro mette un’ipoteca su una notte agitata. I disturbi al sonno così sono praticamente assicurati, visto che ci portiamo lo stress che ci agita durante la giornata anche nel momento del riposo, praticamente impedendolo. Chi non riesce a non controllare le mail di lavoro dovrebbe limitarsi a guardarle almeno a un’ora dall’orario in cui si va a letto, e magari unire la lettura a praticamente più rilassanti, come bere una tisana.

8. Disturbi del sonno: film e libri che ci agitano. Se si vuole dormire tranquilli bisogna evitare di guardare film o leggere libri che provocano agitazione emotiva o sensoriale eccessiva. Niente horror, o pellicole troppe violenti, così come letture difficili da sopportare il carico emotivo ad esso associate. Sono comportamenti che provocano disturbi al sonno, non adatti a chi si vuole riposare.

Photocredit : SERGEI SUPINSKY/AFP/GettyImages