|

Roma, banda di bulli costringe un compagno di scuola a fumare peli, denunciati

Si spacciavano per un gruppo neofascista e terrorizzavano la succursale del liceo artistico via di Ripetta. Cinque ragazzi sono stati denunciati alla Procura dei minori per violenza privata, lesioni e minacce.

LA STORIA – Si muovevano in gruppo facendosi rispettare a suon di botte. Dicevano di appartenere ad un gruppo di estrema destra chiamato BRN, acronimo di Brigata Roma Nord. Una sigla inventata per intimorire i compagni. I bulli avevano preso di mira due ragazzi perché uno di loro frequentava la ragazza più carina del liceo. Una mattina lo hanno aspettato in cortile costringendolo a fumare, «devi fumare» ha imposto la banda passandogli una sigaretta di tabacco appena rollata. Il ragazzo ha accettato, pensando di riuscire ad evitare il pestaggio e una volta finita la sigaretta uno dei bulli avvicinandosi sussurra: «Lo sai cosa hai fumato? Peli e tabacco». Il ragazzino ha reagito arrabbiandosi con i bulli, ma la “banda” non ha gradito l’insubordinazione. Lo hanno aspettato dopo le lezioni e lo hanno pestato di botte assieme ad un compagno che tentava di difenderlo. «E ricordate chi comanda» avrebbero detto dopo i calci e i pugni.

DENUNCIATI – I genitori delle vittime si sono rivolti agli agenti del commissariato Villa Glori e il dirigente Ermanno Baldelli ascoltando il racconto dei ragazzi ha identificato i bulli e li ha denunciati alla Procura dei minori con l’accusa di violenza privata, lesioni e minacce.