|

«Sentivamo gli spari che ci seguivano»: il video shock dell’attentato al Bardo

La visita al museo al Bardo di Tunisi, la guida che descrive i capolavori della sala del palazzo vicino al Parlamento, i turisti che ammirano i mosaici del palazzo. All’improvviso, i colpi d’arma da fuoco e la fuga verso le scale. «Sentivamo gli spari che ci seguivano», hanno denunciato alcuni turisti italiani che hanno filmato alcuni momenti dell’attentato del 18 marzo nella capitale tunisina, come riporta un video esclusivo di Repubblica.it.

LE IMMAGINI DELL’ATTENTATO DEL BARDO –

A girare le immagini una coppia di Latina, Marcello e Maria Rita Salvatori, che viaggiava sulla Costa Fascinosa. La donna stava riprendendo i mosaici quando sono partiti gli spari, poi la videocamera ha continuato a riprendere, con la donna che aveva dimenticato che fosse accesa. 

Bardo attentato 4
Screenshot video Repubblica.it

Dopo aver sentito il primo colpi i turisti sono rimasti ancora attoniti, qualcuno ha domandato: «Ma hanno sparato?». Poi, è bastato qualche secondo per far scattare l’agitazione e la fuga verso le scale, in direzione opposta a quella da dove era entrato in azione il commando dei terroristi, per mettersi al sicuro. Una corsa verso un labirinto di saloni, poi la guida ha fatto passare il gruppo attraverso una porta e i turisti si sono ritrovati in una scala secondaria. C’è chi faceva domande, altri chiedevano di fare silenzio. Finché tre giovani tunisini hanno aiutato la comitiva a uscire. Le immagini, a quel punto, si interrompono. Sono state 22, alla fine, le persone morte nella strage del Bardo. Quattro le vittime italiane.

TAG: ISIS