Giachetti: «D'Alema? Non so neanche se è ancora iscritto al Pd»
|

Giachetti: «D’Alema? Non so neanche se è ancora iscritto al Pd»

«D’Alema è nel Pd? Non lo so, non so se è ancora iscritto, da quello che sento sembrerebbe che non sia iscritto. Lui era una delle colonne portanti finché il Pd è crollato al 24%, ora ci sono altre colonne portanti, per fortuna». Roberto Giachetti, vicepresidente della Camera e deputato del Partito Democratico risponde così a Massimo D’Alema ai microfoni di «Un Giorno da Pecora», il programma di Radio2 condotto da Claudio Sabelli Fioretti e Giorgio Lauro.

Giachetti: «D'Alema? Non so neanche se è ancora iscritto al Pd»
Fabio Cimaglia/ LaPresse

L’ATTACCO DI D’ALEMA AL PARTITO «A FORTE POSIZIONE PERSONALE» –

Il deputato non le ha certo mandate a dire all’ex Presidente del Consiglio, autore sabato scorso all’Acquario Romano di un violento attacco a Matteo Renzi ed alla dirigenza del Pd. D’Alema ha mandato un messaggio alla minoranza del partito usando toni non certo accomodanti per descrivere l’attuale leadership:

Una componente minoritaria in un partito a forte posizione personale e con un carico di arroganza può avere peso solo se si muove con coerenza e, una volta definiti i punti invalicabili, si muove con assoluta intransigenza

Parlando della leadership di Renzi, per D’Alema è indicativo quanto accaduto con la nomina di Sergio Mattarella al Quirinale:

Non credo che sull’elezione del presidente della Repubblica abbia prevalso l’afflato unitario, Renzi ha preso questa strada quando ha capito che per un’altra avrebbe perso

E sulla questione tesseramento, il giudizio dell’ex leader dei democratici della sinistra è quasi sprezzante:

Il Pd non è un grande partito se stiamo al numero degli iscritti, oggi ne ha 250mila, i Ds ne avevano 600mila. Stiamo assistendo a un processo di riduzione della partecipazione politica che non è contrastato ma perseguito come valore positivo

 

LEGGI ANCHE: Massimo D’Alema contestato a Bari: «Sei un morto vivente»

IL “DISPIACERE” DI MATTEO ORFINI  –

Matteo Orfini su Twitter aveva parlato di risse da Bar che offendono «la nostra comunità»:

LA SOLIDARIETÀ DI PIERLUIGI BERSANI –

mentre per Pierluigi Bersani le parole di D’Alema sono «sacrosante»

C’è tanta gente nel Pd in sofferenza e disagio. Bisogna trovare il modo, anche dal punto di vista organizzativo, per dialogare con questi mondi

 

LA RISPOSTA DI MATTEO RENZI –

Matteo Renzi domenica mattina rispondendo indirettamente a Massimo D’Alema aveva invece detto di non essere interessato alle correnti:  

LA REAZIONE DEGLI ELETTORI SU TWITTER –

Lo scontro innescato nelle ultime ore nel Pd a causa della parole di Massimo D’Alema alla maggioranza non ha lasciato indifferenti i sostenitori e gli avversari politici del Partito Democratico che su Twitter esprimono il proprio parere sulle posizioni dell’ex Presidente del Consiglio:   

(Photocredit copertina Fabio Cimaglia/ LaPresse)