|

Francoforte, scontri alla nuova sede Bce: auto della polizia in fiamme

Scontri e incendi a Francoforte davanti alla nuova sede della Bce, nel giorno dell’inaugurazione. Una parte della città tedesca si è trasformata nelle prime ore della giornata in un vero e proprio campo di battaglia. Alcune decine di giovani appartenenti al movimento anticapitalista Blockupy, armati di bastoni, pietre e vernici, si sono scagliati contro auto ed edifici. Sono andati in frantumi alcune vetrine, sono stati dati alle fiamme pneumatici, sono state elevate barricate di gomme e cassonetti. Sono state incendiate anche auto della polizia, e si è verificato un lancio di pietre e gas lacrimogeni. Più tardi la situazione è tornata calma, con i manifestanti fermi a circa 500 metri di distanza dall’edificio sede della Bce.

 

Foto: Reuters / Kai Pfaffenbach. Fonte: LaPresse
Foto: Reuters / Kai Pfaffenbach. Fonte: LaPresse

 

SCONTRI ANTI-BCE A FRANCOFORTE, FERITI – Stando a quanto riportato dai media tedeschi negli scontri sarebbero rimasti feriti sia manifestanti che poliziotti (almeno due feriti, un poliziotto e una manifestante). La polizia è intervenuta con grande dipsiegamento di uomini e mezzi. Gli agenti hanno anche sparato gas lacrimogeni, e utilizzato cannoni ad acqua. I manifestanti sono stati definiti dalla polizia «aggressivi e violenti». I vigili del fuoco di Francoforte hanno anche postato un messaggio sul loro profilo Twitter chiedendo ai manifestanti di non aggredire i propri uomini e mezzi. Gli incidenti sono stati compiuti sia nella zona del nuovo edificio Bce, che nella città vecchia di Francoforte e nel distretto finanziario. Il grattacielo, che sarà nuova sede della Bce, sorge nella zona orientale della città tedesca ed è alto 185 metri. La costruzione è costata 1,3 miliardi di euro.

 

 

 

SCONTRI ANTI-BCE A FRANCOFORTE, LA PROTESTA: «NO ALL’AUSTERITÀ» – Secondo gli organizzatori alla manifestazione di protesta hanno preso parte circa 10mila persone, giunte da Francoforte ma anche da altre località europee. «La nostra protesta – ha fatto sapere Ulrich Wilken – è contro la Bce in quanto membro della troika che, nonostante non sia democraticamente eletta, ostacola il lavoro del governo greco. Vogliamo la fine delle politiche di austerità». «Vogliamo – ha proseguito il leader dei manifestanti – una protesta rumorosa ma pacifica». Una chiave di lettura che la polizia non condivide affatto. «Abbiamo visto lanci di sassi, cestini della spazzatura incendiati e sette auto della polizia danneggiate, alcune date alle fiamme», ha detto la portavoce Claudia Rogalski.

SCONTRI ANTI-BCE A FRANCOFORTE, FERMATE PIÚ DI 300 PERSONE – A quanto riferito da uno degli account Twitter del movimento Blockupy, la polizia tedesca ha provato ad identificare 2/300 manifestanti italiani che hanno preso parte alle proteste contro l’inaugurazione del nuovo grattacielo della Bce. La polizia avrebbe fermato almeno 300 persone.

(Foto di copertina: Reuters / Michael Dalder. Fonte: LaPresse)