I bambini killer dell'ISIS
|

La madre che rapisce i figli e scappa in Siria per raggiungere l’ISIS

Lei ha 32 anni ed è andata in Siria portandosi due dei figli, di 7 e 8 anni all’insaputa del marito.

La foto dei due bambini, diffusa dalla polizia olandese
La foto dei due bambini, diffusa dalla polizia olandese

IL RAPIMENTO – Per il loro padre sono stati rapiti, due bambini olandesi di 7 e 8 anni, Luca e Aysha, un bambino e una bambina, sono finiti a Raqqa dopo che la madre, di origini cecene, ha deciso di unirsi all’ISIS e se li è portati dietro senza il suo consenso.

UNA MOBILITAZIONE INUTILE – La procura olandese, sollecitata da una denuncia del padre,  ha confermato tutto e a nulla è servito l’allarme che da Maastricht, dove risiedevano, si è fatto largo fino alle televisioni olandesi nel vano tentativo d’intercettare e fermare la donna, che ha fatto perdere le sue tracce nell’ottobre scorso, dopo che la donna ha lasciato gli altri due figli ai parenti ed è sparita.

LEGGI ANCHE: I video più belli che sfottono l’Isis

SONO A RAQQA – Poi la donna si è fatta viva attraverso Facebook, facendo sapere di essere arrivata a Raqqa. Secondo la procura la donna è riuscita a evadere le ricerche grazie all’uso di passaporti falsi per lei e i bambini. Disperato il padre, divorziato dalla donna, che era corso alla polizia intuendo le intenzioni della donna.

TAG: ISIS