Ecco il calcolo dell’età pensionabile

La riforma Fornero alla prova dei numeri Eccole, le tabelle. Dopo tanta attesa e il comprensibile nervosismo di chi sarà...

La riforma Fornero alla prova dei numeri

Eccole, le tabelle. Dopo tanta attesa e il comprensibile nervosismo di chi sarà ancora costretto a rinviare l’età del ritiro, la riforma Fornero prende forma e il calcolo dell’età pensionabile è possibile. Il Corriere della Sera pubblica un grafico esplicativo su cosa cambierà:

La lenta equiparazione dell’età pensionabile delle donne con quella degli uomini e poi con i 67 anni per tutti è stata accelerata, e in maniera per niente soft. Dal primo gennaio 2012 l’età sale a 62 anni (uno scalone simile a quello messo in atto dalla riforma Maroni, che però non ha mai visto la luce) e sarà ulteriormente elevata a 63 anni e 6 mesi nel 2014, a 65 anni nel 2016 e a 66 a partire dal 2018. Per le lavoratrici autonome (commercianti, artigiane e coltivatrici dirette), invece, lo scalone del 2012 è di 3 anni e 6 mesi (l’età sale da 60 a 63 anni emezzo). Soglia che sale ulteriormente a 64 e 6 mesi nel 2014, a 65 e 6mesi nel 2016, sino a raggiungere i 66 anni dal gennaio del 2018. L’elevazione dell’età ci sarà anche per gli uomini, i quali a partire dal 2012 potranno ottenere la pensione di vecchiaia dopo aver compiuto 66 anni. Per loro in sostanza non cambia nulla, in quanto sino a oggi potevano averla sì a 65 anni, ma comunque dovevano aspettare un ulteriore anno (in pratica i 66) per poterla riscuotere.

Addio anzianità, quindi, più o meno:

Da circa 20 anni nell’occhio del ciclone, il pensionamento anticipato con 40 anni, a prescindere dall’età anagrafica, stavolta non è rimasto in piedi. A partire dal 2012 per ottenere la pensione prima dell’età della vecchiaia occorrono 42 anni ed un mese per gli uomini e 41 anni ed 1 mese per le donne, requisiti, anche qui, parametrati alle speranze di vita a partire dal 2013. Tali requisiti sono comunque aumentati di un ulteriore mese per il 2013 e di un ulteriore mese a decorrere dal 2014. Questo, in sostanza, significa che nel 2013, ad esempio, anno in cui si comincia ad elevare tutti i parametri anagrafici sulla base delle cosiddette speranze di vita, il minimo di contributi richiesto per il pensionamento anticipato sarà di 42 anni e 5 mesi per gli uomini e 41 anni e 5 mesi per le donne (42 o 41 anni e due mesi più i tre mesi di aumento per via delle speranze di vita).

E questo è il grafico che spiega l’andamento: