|

Ricattò Lapo Elkann, arrestato fotografo dei vip

Dopo aver arrestato Enrico Bellavista, i carabinieri del Nucleo investigativo hanno ammanettato a Milano anche suo fratello Giovanni Bellavista e Federico ‘Bicio’ Pensa, fotografo dei vip, per aver organizzato un ricatto ai danni di Lapo Elkann. I tre avevano architettato un’estorsione ai danni del noto imprenditore offrendogli la consegna di un video compromettente in cui il rampollo della famiglia Agnelli comparirebbe al fianco di piste di cocaina.

 

 

RICATTO A LAPO ELKANN, FOTO CON POSTE DI COCA Enrico Bellavista è stato arrestato lo scorso dicembre, subito dopo aver intascato in un lussuoso albergo milanese 90mila euro in contanti da un collaboratore di Lapo, incaricato di condurre la trattativa. I carabinieri, che Elkann aveva provveduto ad avvertire fin dal mese di ottobre, attesero il 31enne estorsore fuori dall’albergo con le manette già pronte. Giovanni Bellavista è stato incastrato da un video che lo ritrae mentre ritira una prima tranche di denaro, 30mila euro, in una stanza dell’albergo Four Seasons di Milano. La storia del ricatto è cominciata lo scorso giugno, quando Lapo, seminudo e ubriaco, si trovava sotto casa di un’amica a Milano in evidente stato confusionale. L’imprenditore fu avvicinato da uno dei ragazzi che si offrì di aiutarlo e di accompagnarlo a casa sua. Nell’appartamento però arrivò un secondo uomo, poi fu allestito un tavolino per consumare cocaina. Furono scattate delle immagini. Elkann più tardi, si ritrovò con una tuta addosso. Fu caricato su un taxi e, siccome non aveva soldi, i soccorritori gli diedero 50 euro per la corsa. Di quella serata Lapo ha sempre detto di non ricordare molto.

(Foto di copertina da Corriere Tv)