|

YouTube non guadagna ancora

Pur contribuendo per il 6%al fatturato di Google, YouTube non riesce ancora a guadagnare.
youtube 1

IL FATTURATO CRESCE – L’anno scorso il fatturato di YouTube è cresciuto di un terzo, passando da 3 a 4 miliardi di dollari e raggiungendo un miliardo di utenti, ma l’incasso è bastato appena a coprire le spese e poco più. Per avere un’idea di un’azienda profittevole nel settore, Facebook ha fatturato 12 miliardi nello stesso periodo, con un guadagno di 3 con una base di 1,3 miliardi di utenti.

DEVONO CRESCERE ANCHE GLI UTILI – La direzione di Susan Wojcicki, una veterana di Google messa a capo della società l’anno scorso, deve quindi escogitare il modo di cavar guadagni da tanto impegno, posto che comunque il sito attira moltissimi utenti e non soffre segni di declino. Il problema secondo gli analisti è che su YouTube c’è  troppa spazzatura. Il mitico contenuto generato dagli utenti è scadente ed è difficile trovare chi paghi per vedere i propri marchi associati a prodotti poco professionali. Quello che sembrava poter essere un punto di forza di YouTube si sta quindi rivelando a gioco lungo il suo tallone d’Achille, tanto che la società è corsa ai ripari acquistando programmi televisivi e concludendo un accordo con la NFL per proporre sul sito anche gli eventi sportivi, cominciando dal football.

L’AUDIENCE è TROPPO GIOVANE – Un altro problema di YouTube è che i suoi contenuti sono visti per lo più da persone che non visitano il sito, che attrae un pubblico mediamente molto giovane e che per il resto perde molto traffico a beneficio dei siti che utilizzano i video pubblicati sulla piattaforma. Prossimamente pare che la società proporrà ai clienti veri e propri abbonamenti, per godere di musica e video senza pubblicità, ma la strada per l’utile pare ancora erta e ricca di difficoltà.